Horie e Nekozane – Utagawa Hiroshige

Horie e Nekozane   Utagawa Hiroshige

Nella zona di Getoku, che era il centro per la fornitura di sale Edo, c’erano tre villaggi: Horie, Nekozane, Todaijima. Sulle rive del fiume Sakaigava, che era un affluente del fiume Edogava, c’erano i villaggi di Horie e Nekozane. Lo spettatore può vederli al centro del foglio. A sinistra è il villaggio di Horie, a destra è Nekozane, sono collegati da un piccolo ponte.

I villaggi erano situati nelle pianure della baia di Edo e spesso soffrivano di tsunami e inondazioni.

Nekozane si trovava vicino alla baia e fu particolarmente colpito durante lo tsunami Einin 1293. La diga fu costruita dagli abitanti del villaggio, situato vicino all’antico santuario di Toeuke-jin-jia. La diga è stata rafforzata piantando molti pini su di essa – in effetti, questo ha influenzato il nome del villaggio.

La parola “Nekozane” deriva dalla frase: “Ne-o kos-nu” – “Senza radici iridescenti”. La pesca fiorì in entrambi i villaggi. Pesce e frutti di mare furono forniti a Edo e le conchiglie di bakagi erano particolarmente popolari.

In lontananza, nelle profondità del foglio, lungo la costa della baia, sono visibili due alberi di barche.

Sulla sinistra si trova la vetta bianca candida di Fuji. La principale differenza di colore tra i due fogli diventa blu scuro, trasformandosi in una striscia quasi nera sul bordo superiore dell’incisione, che si riferisce a un’edizione successiva. I contorni degli alberi spiccano con una sagoma scura sullo sfondo di una striscia di nebbia sullo sfondo.