San Sergio di Radonež – Nicholas Roerich

San Sergio di Radonež   Nicholas Roerich

Nicholas Roerich come artista e conoscitore della bellezza ha attirato immagini complesse e meravigliose, che si tratti di vette o eroi dello spirito. Nelle opere di Roerich esiste un eccezionale ciclo di dipinti.

L’artista crea una serie di “Holy Mountains”, una serie che raffigura devoti dello spirito, santi. L’immagine dei santi, gli eroi dello spirito, mostra quanto in alto può sorgere lo spirito di una persona, quanto può essere ferma e forte la fede. Le cime delle montagne e le cime dello spirito umano sono i motivi chiave della creatività di Roerich.

Nicholas Roerich crea molti dipinti relativi a questo argomento, uno dei quali può giustamente essere considerato il dipinto “San Sergio di Radonez”, scritto da lui nel 1932.

Non è stato un compito facile per l’artista: incarnare l’immagine del santo. In questo lavoro l’artista si discosta deliberatamente dalle antiche tradizioni e dai canoni religiosi dell’immagine. Una calma calma viene letta nelle vesti di Sergio di Radonez.

Questo è un vero simbolo di grande spiritualità e moralità. Creando tele così grandi, l’artista ci aiuta in modo più ponderato e con trepidazione alle immagini di grandi personaggi storici, a rivolgerci alle descrizioni della vita e delle opere dei santi, in nome dell’illuminazione della nostra stessa vita e della ricerca della verità.

Roerich apprezzò in particolare l’apparizione di un santo come Sergio di Radonez. L’artista non ha dedicato una trama all’immagine. Il panno “San Sergio di Radonež” è stato scritto nel 1932 ed è attualmente conservato nella Galleria Tretyakov.

L’artista ha raffigurato San Sergio come personaggio centrale, grande, volumetrico e a figura intera. Roerich osserva solo parzialmente lo stile tradizionale della pittura di icone. Per la figura magra e alta del santo, il monastero russo fu dimesso.

L’immagine vivida del monastero è dipinta in aperto, non convenzionale per la pittura ortodossa e canonica a colori usando sfumature di rosa e giallo.

Il monastero simboleggia la gioia della glorificazione dell’insegnamento del santo, la gioia gioiosa dei discepoli che glorificano la grande parola di San Sergio di Radonez. Guerrieri in marcia frammentariamente raffigurati con l’immagine di un santo. Questa immagine ci ricorda l’incontro storico di San Sergio e Dmitry Donskoy prima del Don Macello.

Poco dopo, la battaglia di Kulikovo si rivelò una grande vittoria, un vivido esempio della forza del principio spirituale del popolo russo e della sua fede.

L’immagine dell’occhio che tutto vede in cima alla tela è un antico segno divino. L’intera immagine è precisamente subordinata a questo grande ordine divino del mondo, la struttura di tutto il mondo, come un santuario. E Sergio di Radonez stesso tiene il tempio di fronte a lui – un simbolo della rinascita spirituale della Russia.

La Russia abbraccia questa grande immagine del tempio e il segno della santa trinità sulla questione del santo è chiamato a proteggere e dirigere la Russia alla luce in tre dimensioni temporali.

Nella parte inferiore della tela, un’iscrizione, disegnata da un bellissimo vecchio tipo di lettera ornamentale-decorativa, il cui significato mostra il potere del presentimento di Roerich delle prove imminenti, inevitabili e terribili per la Russia. Nonostante tutto, l’artista credeva nel suo paese, che non accettò il lavoro di Roerich fino alla morte dell’artista nel 1947. Tuttavia, ha creduto pienamente nella futura grandezza della Russia, ha apprezzato il grande passato della sua terra natale.