Ritratto della viscontessa Marie-Laura de Noay – Salvador Dali

Ritratto della viscontessa Marie Laura de Noay   Salvador Dali

Lo spagnolo Salvador Dalì – l’autore di tele di natura surreale, dipinse quadri che erano strani nella loro presentazione. Le sue opere, indipendentemente dal genere, sono sempre state contraddistinte da un significato che solo l’autore comprende e da una droga narcotica. Sembrerebbe che il ritratto – cosa può fare l’autore, in cui la natura ha creato tutto in anticipo e non resta che “copiare” la creazione sulla tela? Tuttavia, qui, Dalì ha prevalso sulla vera natura delle cose.

Il ritratto della viscontessa Marie-Laura – la patrona delle arti del XX secolo, è stata scritta da El Salvador al momento del suo calvario e della fiducia finale nella propria superiorità.

L’artista ventottenne stava già minacciando il titolo di “essere celeste”, infrangendo le leggi dello spazio e della natura. Ha interpretato la sua Mari-Laura, simile all’originale, sì, ma stranamente estratta dal contesto della natura umana femminile sotto forma di una testa solitaria.

La testa femminile con belle caratteristiche è sfigurata in maniera da macellaio, sebbene sia decorata con fiori estivi. Assomiglia a un poster del gabinetto anatomico – in pieno viso e profilo, con le proporzioni corrette e un incavo del naso completamente “colorato”. Perché nascondere il tuo smarrimento, forse la persona più comune, non un critico e non un esperto, che il lavoro non è chiaro e mostra solo attraverso oggetti insignificanti.

Perché questa silhouette con la testa di un carro, perché una bara da cui trasuda l’immagine della Vicomtesse? Riflettendo sui dettagli sparsi, la coscienza li raccoglie in una singola immagine, ma ha in sé lo stesso senso di quanti sono i ritagli di carne in primo piano dell’immagine…

Mi piacerebbe pensare che l’opera sia stata apprezzata dall’adorabile de Noay, forse con ammirazione, dopo aver ricevuto una sorta di annotazione alla narrazione dell’opera. Lasciando andare il significato del ritratto, vorrei dire separatamente sulla tecnica impeccabile della scrittura. Colpisce una buona scuola di pittura e, naturalmente, il talento di El Salvador, la presenza del proprio stile e senso del colore.

Tessuto Dali fresco da dipingere, è arioso, come tutto il suo lavoro. Nel ritratto, viene utilizzata una versione win-win dello sfondo: questa è una superficie celeste e un orizzonte infinito, che crea una sensazione di volo e moto perpetuo. Le sue parti sparse, come al solito, volano qua e là.

Da qualche parte all’orizzonte la luce del sole nascente sta diventando rosa. Dal è pulito, ma la realtà è pesante dai massi, lacerata senza pietà dall’artista. Come se la personificazione della purezza tra l’umidità del piano del tavolo e la pietra della pietra, la testa di pesca di Marie avesse l’odore dei fiori, in risposta alle critiche.