Oggi non andremo al mercato – Paul Gauguin

Oggi non andremo al mercato   Paul Gauguin

La pittura tahitiana è lo strato centrale dell’intero patrimonio artistico di Paul Gauguin. E anche se ha affermato: “i quadri qui dipinti mi spaventano, il pubblico non li accetterà mai”, il pittore non si è mai stancato di ammirare il nuovo mondo intorno a lui pieno di colori, naturalezza e ingenuità.

Il dipinto “That Mateta” o “Mercato”, noto anche con il titolo ampliato “Oggi non andremo al mercato”, è stato dipinto dall’artista nel 1892. Dimostra molto eloquentemente che Gauguin era instancabilmente alla ricerca di nuovi mezzi di espressione: una nuova insolita natura esotica richiedeva nuove incarnazioni stilistiche. Il pittore raccolse nuove idee non solo dalla natura circostante: portò con sé una collezione di fotografie sull’isola.

Immagini del Partenone, della tomba egizia e di altri monumenti religiosi più di una volta hanno aiutato il maestro nel suo lavoro.

Qui e in questa immagine vediamo cinque ragazze in abiti luminosi, il cui profilo non è altro che una citazione diretta da affreschi tradizionali egiziani – pose congelate, figure statiche, in particolare la posizione delle figure nello spazio.

Sullo sfondo, lo spettatore può notare pescatori vestiti solo con perizomi e copiare uomini egiziani su una maglietta: le figure piegate, congelate in posizioni identiche, creano un ritmo monotono che ricorda una galassia di schiavi carichi raffigurati sui muri delle tombe e dei templi del presente Luxor.

Gauguin per se stesso unì il mondo primitivo dell’antico Egitto, che lasciò prove sugli affreschi delle pareti umide e sullo strano mondo di Tahiti, cercando di comprenderli entrambi.

Nel resto della tecnica, Gauguin è stato benedetto con brillantezza e decoratività: colori brillanti, colori puri, privi di mezzitoni e una linea chiara e chiara. Il dipinto è privo di volume e profondità: l’intera composizione è quasi piatta e questa è un’altra ragione che ci fa ricordare l’affresco egiziano.

Ci vorrà un po ‘di tempo e lo stile di Gauguin verrà nuovamente trasformato, dimostrando al mondo artistico una nuova estetica incomparabile, per la quale i contemporanei rimprovereranno il pittore e esalteranno i discendenti. Il “mercato”, insieme ad altri dipinti simili, diventerà un capolavoro universalmente riconosciuto che unisce le caratteristiche dell’arte egizia e la fantasia del grande Gauguin.