Natura morta con girasoli sulla sedia – Paul Gauguin

Natura morta con girasoli sulla sedia   Paul Gauguin

Agli impressionisti piaceva in particolare rivolgersi ai girasoli come trama. Basti ricordare Claude Monet e Van Gogh.

Gauguin iniziò a scrivere girasoli alla fine della sua vita e carriera. Sebbene i meravigliosi fiori gialli già lampeggiassero sulla prima tela dell’autore, tuttavia, era collegato a una delle pagine tristi e amare della vita del pittore. Ancora giovane ma già formato, Gauguin era amico di Van Gogh.

Due dei più grandi artisti si stabilirono insieme ad Arles, sperando che la loro nuova casa sarebbe diventata un paradiso per i giovani pittori innovativi.

Soprattutto per un nuovo compagno e una persona simile, Van Gogh ha creato un’intera serie di dipinti con girasoli per decorare la stanza di Gauguin. Tuttavia, il tandem non ha funzionato, Gauguin era quasi paralizzato e Van Gogh si è trasferito in un rifugio per i malati di mente. Dall’ultima promettente amicizia è rimasta solo un’immagine: “Van Gogh, girasoli dipinti”.

E nel 1901, Gauguin si rivolge nuovamente a questa storia. Dopo tutte le ricerche e gli esperimenti estetici, sembra che l’autore ritorni all’inizio: la natura morta sembra quasi classica. Tuttavia, nel lavoro sono ancora presenti elementi non tradizionali, altrimenti non sarebbe Gauguin.

La testa dai capelli indigeni nella finestra rende la trama insolita e la carnagione della ragazza si fonde quasi con il colore dei capolini.

È impossibile non attirare l’attenzione sull’immagine stessa dei fiori che spuntano dal cesto largo. Non si tratta di brillanti fiori gioiosi, pieni di vita e di luce solare – Gauguin ha dato loro un’interpretazione diversa qui. Quasi tutte le teste di girasoli sono omesse, i petali raramente crescono su di loro, il bouquet stesso sembra cadere in tutte le direzioni.

Dai fiori soffia insopportabilmente affaticamento, sfilacciamento, letargia. Sembrano agire come traduttore dello stato mentale di Gauguin, che negli ultimi anni della sua vita è stato particolarmente difficile.