Leda atomica – Salvador Dali

Leda atomica   Salvador Dali

Cristallino, con l’azzurro più tenue, il mare di macchia dell’acquerello si insinua sulla sabbia. Il suo taglio superiore è un orizzontale ideale, come la superficie dell’acqua in un acquario. Il mare blu si trasforma in un cielo giallo, la linea dell’orizzonte è accuratamente regolata in base alla proporzione della “sezione aurea”.

In uno degli angoli della tela c’è un righello, il simbolo del calcolo matematico. La sua ombra doppiamente riflessa cade sull’acqua e sulla sabbia. Un piccolo volume in una rilegatura rossastra accanto al righello dà l’impressione di un libro di riferimento matematico piuttosto che, per esempio, una raccolta di poesie.

A sinistra ea destra, la scena è incorniciata da scogliere rocciose – le scogliere costiere di Cadaqués.

Al centro della tela c’è un piedistallo. In alto aleggia un gala nudo sotto forma di Leda dal mito greco. Le sue natiche non toccano il piedistallo e le sue gambe non camminano. Quelli, a loro volta, si librano in aria. Dal corpo seducente perfetto Leda prinik grande cigno.

La abbraccia con le ali, ma non la tocca. Il suo becco è vicino alla testa di una donna, come se le stesse sussurrando qualcosa nell’orecchio. Leda-Gala lo ascolta favorevolmente.

Un sorriso sparso e sognante gioca sulle sue labbra, il suo viso è calmo. Non c’è paura, non è distorto dalla passione.

In questa immagine, tutto viene calcolato e pesato – letteralmente. Tutti i dettagli dell’immagine sono sospesi nell’aria. Persino il mare non entra in contatto con la propria sponda.

Tale levitazione è un’eco della conoscenza impressa di Dalì sulla struttura dell’atomo, tutti i cui elementi – particelle subatomiche – interagiscono tra loro senza contatto. Da qui l’epiteto “atomico” nel titolo dell’immagine. L’artista usò l’antico mito di Zeus, che apparve alla regina spartana Leda nel corpo di un cigno e lo catturò.

Come risultato di questa unione, nacquero due coppie di gemelli da due uova deposte da Leda: Elena, Polidevk, Castore e Clitennestra. Nella parte inferiore della foto puoi vedere il guscio d’uovo vuoto. Dalì identificò Gala con Leda e se stesso con Zeus, ma identificò anche se stesso e il suo coniuge con gemelli che non potevano esistere separatamente l’uno dall’altro.

Sorprendentemente, Dalì, che vide il significato della sua esistenza e della sua missione nella società scioccante, creò, probabilmente, l’incarnazione più casta del mito di Leda. Di tutti gli artisti che si sono rivolti a questa scena mitologica, Dalì ha prestato la minima attenzione al lato carnale del rapporto sessuale. Nella foto non c’è lussuria, nessun dettaglio salato o scioccante, c’è solo infinita ammirazione reciproca e unità di due creature intese l’una per l’altra.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)