L’Annunciazione – Leonardo Da Vinci

LAnnunciazione   Leonardo Da Vinci

Una delle prime tele su un tema religioso, ideata e scritta dallo stesso Leonardo, è l ‘”Annunciazione”. Gli storici dell’arte hanno concluso che quest’opera, attribuita al pennello dell’eccezionale artista fiorentino Domenico Ghirlandaio, appartiene in realtà al pennello di Leonardo.

Sfortunatamente, non si sa chi potrebbe effettuare un ordine per l ‘”Annunciazione”, creata da Leonardo intorno al 1472-1475. Leonardo non menziona questa immagine in nessuno dei suoi appunti o lettere che ci sono pervenuti, ma ricordiamo che molti dei suoi appunti sono andati persi. Il contratto scritto è la data della transazione e la data del completamento previsto dell’opera.

In esso c’è anche una descrizione dell’immagine, indicato il numero di figure che dovrebbero essere rappresentate nella foto, la menzione dei colori necessari. È possibile che l ‘”Annunciazione” sia stata scritta da Leonardo nella bottega del Verrocchio quando si laureò e divenne un artista professionista.

I ricercatori ritengono che questo dipinto avrebbe potuto essere dipinto come immagine dell’altare per la chiesa, che fu ricostruita o aggiornata intorno al 1472-1473 nel convento di San Bartolomeo a Monte Oliveto, vicino a Firenze. La foto rimase lì fino al 1867, dopo di che fu trasferita alla Galleria degli Uffizi a Firenze. L’iscrizione sul retro conferma che l’immagine era appesa nella sagrestia, a giudicare da altre testimonianze, per qualche tempo decorava il muro del refettorio del monastero.

La forma rettangolare della tela indica che potrebbe appendere direttamente sopra l’altare.

In questa immagine, Leonardo usa una prospettiva geometrica. La griglia diagonale di piastrelle per pavimenti a destra della figura della Vergine Maria dirige lo sguardo dello spettatore verso il paesaggio al centro dell’immagine e dietro l’edificio. Leonardo non attribuiva molta importanza al possesso di una prospettiva lineare: “La prospettiva è un argomento rivelatore, con cui l’esperienza conferma che tutti gli oggetti inviano le loro somiglianze lungo le linee delle piramidi”.

Mentre lavorava alla pittura, Leonardo ha continuato a migliorare le sue capacità di pittore.

L’immagine rivela diversi metodi tipici di costruzione dell’immagine per Verrocchio. Probabilmente, questo lavoro avrebbe potuto essere scritto da Leonardo nel laboratorio dell’insegnante. Ad esempio, il movimento della mano della Vergine Maria e il carattere scultoreo dei suoi abiti possono indicare l’influenza del Verrocchio sull’opera della sua studentessa.

La base del leggio ricorda la scultura del Verrocchio presso la tomba di Piero de Medici nella chiesa di San Lorenzo a Firenze, che il maestro completò in quel momento.

Alcune caratteristiche consentono di giudicare questo lavoro come una sorta di compito pratico: un test dopo la laurea. Lo stesso può essere attribuito alla base riccamente decorata del leggio che domina al centro del quadro. Tutto ciò suggerisce che il ritratto è stato un tentativo dello studente di creare un’opera indipendente, con inesattezze e difetti nell’immagine, caratteristica della mano inesperta di un giovane artista.

Ciò spiegherebbe la mancanza di testimonianze scritte su di lei, dal momento che la foto non è stata ordinata da nessuno, e spiegherebbe la sua permanenza nel monastero, a cui molto probabilmente è stata donata.

La descrizione della storia riflessa nella composizione è nel Vangelo di Luca. Lì, l’Arcangelo Gabriele, inviato da Dio, proclamò “Rallegrati, Beato! Il Signore è con te” e informò la Vergine Maria incinta della sua gravidanza.

L’arcangelo ha anche chiamato il figlio nato “Gesù”.