Difesa di Sebastopoli – Alexander Deineka

Difesa di Sebastopoli   Alexander Deineka

Deineka Alexander Alexandrovich è uno dei notevoli artisti russi che non era in disparte durante la seconda guerra mondiale. Ha fatto quello che poteva meglio: ha funzionato. Una delle sue città preferite era Sebastopoli.

Vedendo la foto dal giornale, in cui erano visibili solo le rovine della città, l’autore capì quali battaglie pesanti si stavano svolgendo qui.

Nella sua opera Difesa di Sebastopoli, l’autore ha interpretato solo le ultime ore di pesante difesa. Quindi i marinai andarono in battaglia nelle loro forme bianche come la neve. Andarono a una certa morte, quando il nemico irruppe nell’acqua stessa e non c’era nessun posto dove ritirarsi.

Sì, e nel numero di tedeschi ha vinto. L’immagine mostra anche come uno dei carri armati nemici aggiri i nostri ragazzi dalla parte posteriore.

Visivamente, l’immagine è divisa in due parti. Il piano distante ci mostra una città avvolta dalle fiamme. Solo pochi detriti possono essere visti, e quindi tutto è coperto da grandi sfere di fumo e fiamme di fuoco. Il cielo è completamente invisibile, solo uno sfondo nero e rosso.

Con questo, l’autore ha mostrato cosa succede quando il nemico vince. Rimangono solo le rovine. E l’esatto contrario è il primo piano dell’immagine. Anche se è stato qui che l’autore ha mostrato la battaglia stessa e come i ragazzi vanno avanti da soli, ma questa parte dell’immagine è ancora luminosa.

Oscure solo forme di nemici. Ovunque siano presenti i marinai, anche le piastre sono ancora pulite e bianche. Ciò enfatizza il coraggio, il patriottismo, la sete di vittoria del nostro popolo.

La volontà di ogni persona è qualcosa di luminoso, piacevole e gioioso. E le persone sono pronte a lottare per questo.

Poiché la creazione della foto coincise con azioni militari, l’autore non riuscì a trovare la persona giusta per l’immagine di un marinaio centrale con una granata. La modella era una ginnasta che aveva un fisico adatto. L’intero quadro porta alla tristezza, alla tristezza, a un senso di tragedia.

I marinai anche negli ultimi minuti di vita hanno cercato di distruggere il maggior numero possibile di nemici in modo che la loro morte non sarebbe stata vana.

Il lavoro sull’immagine ha richiesto all’autore alcuni mesi. Riuscì a terminarlo con la mostra “Grande guerra patriottica” nel 1942. Attribuirlo a un’illustrazione di un episodio di azione militare non è del tutto corretto, dal momento che l’autore ha usato alcune trasformazioni, ma nessuno dubita che questo sia uno dei dipinti più drammatici nell’arte russa.