Ciotola di Cristo – Nicholas Roerich

Ciotola di Cristo   Nicholas Roerich

Il dipinto “Il calice di Cristo” è dedicato al famoso evento evangelico: la preghiera di Cristo nel giardino del Getsemani la notte prima di essere preso in custodia. Gli evangelici descrivono gli eventi in modi diversi e, di conseguenza, i loro artisti li interpretano in modi diversi. Di solito Gesù veniva ritratto o prostrato sulla terra, secondo Matteo e Marco, o pregando in ginocchio, secondo Luca.

L’artista spostò la scena della preghiera nell’angolo in alto a sinistra, mentre l’orizzonte era bloccato da due scogliere rocciose e da edifici sotto di loro, quindi c’era una chiara diagonale nel movimento compositivo.

Roerich è tornato con coraggio all’illuminazione notturna e all’ambiente reale in cui si è svolto l’evento evangelico. Non ci sono Amuri alati, torri brillanti e abiti lussuosi. In confronto al magnifico splendore delle tele italiane, tutto è semplice, persino ascetico. Allo stesso tempo, non si può dire che l’artista abbia ridotto ciò che sta accadendo all’ordinario.

No, al contrario, lo ha elevato al rango di fenomeno cosmicamente significativo.

Un grande spazio con stelle scintillanti si aprì nella foto e questo fuoco celeste celeste, in cui anche Cristo è vestito, affascina con la sua radiosità potente. Lì, nei regni superiori, è diretto anche il volto di Cristo. Le sue mani che brillano in preghiera sono dirette verso una costellazione, che con il suo contorno ricorda una ciotola su una base alta.

Il motivo del Bowl è presente qui in tutto, principalmente nella tela compositiva. I tronchi degli alberi, bilanciando la corsa delle linee verso est, descrivono la metà destra della ciotola. Espande esponenzialmente i suoi confini e sembra abbracciare l’intero Universo. Al suo centro c’è Cristo, che si è sacrificato per l’espiazione dei peccati dell’umanità.

L’immagine non solo ravviva l’impresa del Salvatore, ma richiede anche la comunione dalla Ciotola dell’amore universale.

Il cielo di stelle scintillanti di mezzanotte tra gli scogli, illuminato da una luce soffusa, raffigura una figura inginocchiata di Cristo con le mani in alto. Il suo volto in riverente preghiera è rivolto verso le stelle. Lì puoi vedere un gruppo di stelle, la sua forma ricorda una ciotola. Questa è la costellazione di Orione. Il calice dell’atto di Cristo si unisce al calice della costellazione che ha inviato la pietra sacra al mondo.

Pertanto, la storia di questo mondo è particolarmente ben catturata nella storia del mondo, che ha bevuto l’amara coppa dell’umiliazione e della dolorosa esecuzione in nome del salvataggio del pianeta.