Notte stellata – Edvard Munch

Notte stellata   Edvard Munch

Le stelle hanno sempre attratto Munch, servito come un misterioso oggetto del suo culto creativo. Ha scritto diversi dipinti uniti da un tema comune. Uno di questi è “Notte stellata”.

Più precisamente, non uno, molti di loro. Munch aveva una caratteristica: scrivere le sue tele in diverse varianti. È successo con questa foto.

La “notte stellata” del 1922 fu catturata in una notte invernale illuminata dalla luna. Questa visione era familiare all’artista, in quanto è il cielo dalla finestra di casa sua. Ma questo non ha diminuito l’amore di Munch per il misterioso cielo stellato.

Questo si esprime nel modo in cui l’autore prescrive i dettagli della sua creazione: le derive sotto i suoi piedi sono segnate con noncuranza, senza molta cura, ma il cielo con stelle scintillanti cattura l’occhio completamente.

Allo stesso tempo, Munch non cerca la solitudine. Riempie l’immagine con la luce proveniente dalle finestre di case lontane, che aggiunge un po ‘di calore alla trama. È mescolato con il chiaro di luna e questa fusione è la base dello spettro e del mistero. Il colore blu prevalente e le esplosioni verde intenso nel cielo notturno aggiungono vitalità e apertura emotiva all’opera.

Si sente che l’artista non ha lottato per la luminosità delle esperienze, prescrivendo il mondo che lo circonda nella foto. Da lei respira piuttosto calma e sincera, ti fa riflettere profondamente sulla stranezza della vita. Nonostante l’apparente semplicità e lo stile di scrittura infantile, il vero intenditore comprende che l’immagine è stata fatta per mano da un maestro, un professionista e un genio.

Tutta la sua vita, Munch, dalle parole dei suoi contemporanei, apparteneva solo all’arte. Non aveva una vita personale. Inoltre, dopo una serie di fallimenti, Munch ha superato una psicosi depressiva, dalla quale è stato curato a lungo in un ospedale specializzato. Talent Munch ha certamente ammesso, nonostante lo stato d’animo.

L’artista è morto sulla sua sedia con un volume di Dostoevsky tra le mani.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)