Donna che cuce – Paul Gauguin

Donna che cuce   Paul Gauguin

Nel 1880, Gauguin scrisse una donna nuda – la cameriera di Justine fece per lui. In questo nudo, Gauguin ha espresso il modo di distinguerlo dagli impressionisti. In effetti, è difficile trovare qualcosa in comune tra una donna seduta sul bordo di un divano e una faccia piegata senza gioia sopra la stoffa che indossa e le donne nude di Renoir con la loro carne fiorita e scintillante!

La spazzola Renoir accarezza la superficie della pelle. Sotto il pennello di Gauguin, l’anima appare attraverso le forme del corpo.

Renoir e gli altri impressionisti scrivono il visibile, Gauguin, consapevolmente o no, cerca di scrivere ciò che è oltre il visibile, ciò che il visibile riflette in una certa misura. Questo nudo si distinse così tanto sullo sfondo di altre opere dello stesso Gauguin e dei suoi compagni che alla sesta mostra impressionista nell’aprile 1881 nel numero civico 35 lungo il Capuchin Boulevard, dove era appesa questa foto, attirò in modo permanente l’attenzione dello scrittore naturalista Huysmans. “L’anno scorso”, ha scritto Huysmans, “Il signor Gauguin ha esposto… una serie di paesaggi – una sorta di Pissarro liquefatto e immaturo. Quest’anno, il signor Gauguin ha presentato un’opera veramente indipendente, una tela che testimonia l’innegabile temperamento di un artista moderno.

L’immagine si chiama “Etude nude”. Oserei dire che nessuno degli artisti moderni che hanno lavorato sulla natura nuda, con tale forza suonava la verità della vita… Questa carne piangeva. No, non è quella pelle liscia e liscia, senza brufoli, macchie e pori, quella pelle che tutti gli artisti immergono in una vasca con acqua rosa e poi stirano con un ferro caldo. Questa è un’epidermide di sangue rosso sotto la quale tremano le fibre nervose.

E in generale, quanta verità c’è in ogni particella di questo corpo – in uno stomaco denso, che pende sulle cosce, nelle rughe sotto un torace appeso, cerchiato da un bistrot, nelle articolazioni del ginocchio annodate, nei polsi ossei! … Per molti anni il signor Gauguin ha cercato per la prima volta di ritrarre il moderno una donna… Ci è riuscito completamente e ha creato un’immagine senza paura e veritiera. “

Successivamente, Huysmans menzionò brevemente altri sette dipinti, una statuetta in legno “gotica moderna” e un medaglione in gesso dipinto con cui Gauguin fu presentato alla mostra. “Ma nei paesaggi, la personalità di Gauguin sta ancora lottando per uscire dall’abbraccio del suo mentore, il signor Pissarro”, ha scritto Huysmans con un pizzico di disprezzo. Le lodi di Huysmans hanno risparmiato Gauguin dal dubbio: è un artista, un vero artista, non un dilettante. Ma questa lode avrebbe dovuto metterlo in imbarazzo. Huysmans, in generale, lo elogiò per il realismo e Gauguin, ovviamente, provò lo stesso istintivo dubbio rispetto al realismo e rispetto all’impressionismo. In effetti, l’impressionismo era l’erede del realismo.

In entrambi i casi, si trattava di rappresentare “oggetti visibili”, tuttavia, con vari mezzi.

Molto più tardi, quando il significato della sua ricerca diventa chiaro a Gauguin e capisce a cosa portano, non dirà per caso agli impressionisti che stavano conducendo la loro ricerca “attorno al visibile per gli occhi e non nel misterioso centro del pensiero”. Nuda, ammirando Huysmans, con il suo corpo pesante e poco attraente, con la sua espressione di tristezza, non era affatto l’eroina del “taglio della vita” naturalistico. Era l’araldo del mondo interiore di Gauguin, quel mondo sconosciuto, la cui prima manifestazione inaspettata era questa tela… “

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)