Spiaggia – Konstantin Bogaevsky

Spiaggia   Konstantin Bogaevsky

Nel desiderio di Bogayevsky di spostarsi da immagini reali a immagini più fantastiche e di trovare “un altro mondo, l’altro mondo”, il suo desiderio era quello di opporsi a qualcosa di incommensurabilmente più significativo per la grigia e piccola vegetazione borghese. E questo può essere interpretato come l’ascesa dei suoi poteri creativi, nati dalla protesta contro la volgarità quotidiana. Nel desiderio di scrivere “una melodia grande, grandiosa, come Beethoven” c’era qualcosa di altamente umano, umano.

L’artista era ansioso di creare un’opera favorevole al miglioramento dell’uomo, suscitando in lui una corsa al bello.

L’opera caratteristica di Bogayevsky di questo periodo è il dipinto “La costa del mare”. Il tema in esso rimane lo stesso; è l’antica Cimmeria, deserta e deserta. Ma il contenuto interno del paesaggio varia considerevolmente. Lo stato inquietante e drammatico della natura inerente alle prime opere dell’artista, è sostituito dalla pace qui, che si fa sentire sull’altopiano di pietra con un muro di fortificazioni in cima, a basse onde del mare e in un cielo luminoso con nuvole fluttuanti.

Ma questa non è la tranquillità dell’essere sereno.

L’artista porta alla natura delle note di suono solenne della Crimea e conferisce alla struttura romanticamente elevata della sua opera un tocco di maestosità e grandezza. Lungo i bordi della tela, pone alti alberi decidui. Per così dire, determinano la scala degli oggetti e allo stesso tempo fungono da una specie di scene decorative di ricezione, indicando lo sviluppo dello spazio nella profondità del paesaggio.

La sensazione di profondità è anche dovuta all’alternanza di ampi piani cromatici di acqua verdastra, terra grigio-viola e cielo blu-blu, che si trovano a passi da un colore scuro e saturo a uno più chiaro, più chiaro.

Sky Bogaevsky scrive tratto verticale allungato e separato. Le nuvole causano lessenirovka, uno stile di scrittura più uniforme in questo caso consente di trasmettere la loro rotondità, leggerezza e morbidezza. L’artista scolpisce le forme della copertura terrestre con densi tratti fusi; evidenzia le pietre illuminate grigio-rosa e le rocce con ombre di ciniglia.

Nell’immagine “Costa del mare”, Bogayevsky nel suo insieme generalizza la terra, l’acqua, il cielo, ma dà una particolare immagine ornamentale alle corone degli alberi a primo piano, che si stagliano sullo sfondo luminoso del cielo con una delicata sagoma scura. La sottigliezza del colore dell’immagine, la chiarezza dei contorni di grandi macchie di colore, l’immagine ornamentale dei singoli dettagli, la peculiare finitura della trama dello strato di vernice rendono l’immagine simile a un arazzo.