Romulus – Vincitore di Acron – Jean Auguste Dominique Ingres

Romulus   Vincitore di Acron   Jean Auguste Dominique Ingres

La tela del XIX secolo “Romolo – il vincitore di Akron” appartiene alle opere del francese Jean-Auguste Dominique Ingres. Si riferisce al primo periodo del lavoro dell’autore, vale a dire quando Engr era alla ricerca della sua direzione, muovendosi tra gli stili del Quattrocento e del Nazareno.

Il lavoro degli autori medievali interessava soprattutto il giovane Jean Auguste, quindi il suo ulteriore attacco al mondo della pittura era strettamente legato alle tecniche del Rinascimento e direttamente alla scuola di scrittura Raffaello. Tuttavia, “Romolo è il vincitore di Acron” è un ottimo esempio del desiderio iniziale di Ingres per i canoni della lettera del Rinascimento con la divinità dell’uomo comune e il desiderio di intelligenza e bellezza superiori. Questa è una tela abbastanza calda, anche se avara di vernici.

Come tutte le opere dell’artista, non era particolarmente pittoresco e, come diceva Nina Alexandrievna Dmitrieva, storica dell’arte sovietica e russa, la sua immagine ha un sapore scadente, che sono completamente assenti “… effetti in bianco e nero…”.

Questa è una tela giallo-marrone con un’abbondanza di personaggi, che di per sé è sorprendente, sapendo che Ingre preferiva due o tre eroi nelle sue composizioni. Apparentemente, quindi, la costruzione della trama non sembra essere completamente bilanciata, con difetti proporzionali nella narrazione del primo piano e dello sfondo, delle persone e del cavallo sulle spalle.

Ora un po ‘sul significato del lavoro. La scena rappresentata da Engrom è un fatto storico e si riferisce al periodo della prima guerra nella storia dei romani con l’antica città di Tsenin nella vecchia Latsia. Fu il sovrano di Tsenyna – Akron – che per primo attaccò i romani, che aveva localizzato un ladro di rapinatori sulle colline vicine.

La lotta fu breve e il sovrano di Roma in un duello con Akron sconfisse il suo avversario. Quindi ebbe luogo il primo trionfo romano, di cui le iscrizioni trionfali raccontano dall’inizio della fondazione di Roma sulla pietra.

L’armatura di Akron, che il vincitore detiene – Romolo tra le mani su un palo, fu solennemente posata nel tempio di Giove Feretia al vertice del Campidoglio. Lo stesso Akron, ucciso ed esposto da abiti e armature, nell’opera di Jean-Auguste incarna l’impotenza nuda e il trionfo sul nemico rovesciato.