Ritratto di S. M. Botkina – Valentin Serov

Ritratto di S. M. Botkina   Valentin Serov

La presenza di animali “naturali” aggrava la tesa artificialità della situazione che Serov ha composto per i suoi modelli – animali che non possono porre rappresentano una “misura dell’umanità” per le persone rappresentate nel ritratto.

Il piccolo levriero italiano nel ritratto di Sophia Botkina si nota a malapena tra il rivestimento blu del divano e l’abito giallo della padrona di casa, intessuto di fiori d’oro, anch’esso ricoperto di fiori artificiali. A prima vista il ritratto, il cane sembra un altro fiore. Ma il suo aspetto “regala” – strizza gli occhi curiosamente con l’occhio dello spettatore, che è sorpreso di trovare una creatura animata nel mezzo di questo splendore di stracci.

Il vivace sciame del cane contrasta con lo sguardo indifferente della “giovane donna annoiata”, mentre Serov parlava di Botkina. La critica ha immediatamente battezzato questo ritratto “signora sul divano nel deserto”, e quando Grabar ha chiesto perché Serov ha spostato la figura sul bordo del divano, contrariamente alle esigenze di simmetria armonica, l’artista ha risposto: l’assurdità dei mobili. Non ho potuto dipingere questo ritratto con amore e affetto. “