Ritratto di F. N. Golitsyn da bambino – Ivan Vishnyakov

Ritratto di F. N. Golitsyn da bambino   Ivan Vishnyakov

Sulla barella del ritratto del ragazzo Golitsyn, l’iscrizione conservata “del principe Fyodor Nikolaevich Golitsyn nel nono anno della sua età” fornisce motivi per datare il quadro non prima del 1758 e non oltre il 1760, che è l’ultimo dei lavori finiti di questo maestro. Canotta militare – non un omaggio alla moda del carnevale.

I bambini di nobili famiglie della nobiltà furono registrati nell’esercito alla nascita, in modo che per età ricevessero il grado di ufficiale. Nei secoli precedenti, il bambino era considerato una copia di dimensioni ridotte, una versione più piccola di una persona adulta – da qui l’appello al “tu” ai bambini e agli abiti brillanti, come negli adulti.

Fedya Golitsyn è disegnato in una posa come di solito era rappresentato come saggio dalla vita e dall’esperienza dei comandanti: con le braccia conserte, spingendo la mano sul lato del mantello, stretto con una cintura, si ferma saldamente sulle gambe larghe. Una pistola appoggiata a una sedia suggerisce che Fedya nei suoi anni giovanili è un eccellente cacciatore; il suo sguardo è penetrante e saggio, come quello di un cortigiano intelligente.

L’abbigliamento, in questo caso, l’uniforme delle protezioni per i cavalli, trattato in modo decorativo interpretato. Le macchie di colore di un caftano blu scuro, quasi nero e una canotta rossa, ricami in oro sottolineano il tono chiaro con cui sono dipinti il ​​viso e i capelli del bambino. Nel ritratto del ragazzo Golitsyn, è possibile rintracciare la tradizione russa della ritrattistica, che ha portato alla pittura parsun dell’antica Russia.

L’espressione della parsuna si basava sul contrasto della verità coinvolgente dell’immagine del viso e del condizionale, come se si diffondesse sul piano della figura.

L’artista non è ancora libero dai precedenti principi iconografici della scrittura: lo sfondo neutro e sordo è evidenziato attorno alla figura del ragazzo come un nimbo sopra la testa di un santo. Anche il trasferimento di volumi non faceva parte del compito creativo: l’immagine è volutamente piatta, nessuna gradazione di colore, al contrario, come nella pittura di artisti russi d’avanguardia, ogni colore ha il suo segmento su questa vecchia tela.