Ritratto del conte N. D. Guriev – Jean Auguste Dominique Ingres

Ritratto del conte N. D. Guriev   Jean Auguste Dominique Ingres

Un ritratto del conte russo N. D. Guriev Engr scrisse a Firenze nella primavera del 1821. Guriev era l’aiutante di campo di Alessandro I, in passato – un partecipante alla guerra patriottica del 1812, in seguito – un diplomatico. Né la storia, né le memorie dei suoi contemporanei quasi non parlano della sua personalità e attività, apparentemente, non c’era nulla di eccezionale in essa.

Engru rappresentava persone poco interessanti con un aspetto piuttosto ingrato, e tuttavia l’artista riuscì a creare una magnifica opera d’arte.

La composizione del ritratto si distingue per la sua nobile e rigorosa semplicità: la sagoma ferma e integrale della figura lo separa nettamente dallo sfondo del paesaggio e gli conferisce un significato speciale; l’orgogliosa dignità della posa, l’energico giro della testa e lo spettacolare motivo del mantello gettato sopra la spalla creano un’atmosfera di elevazione cerimoniale. Ma in questa formula tradizionale di un classico ritratto rappresentativo, le note aliene stanno chiaramente scivolando. Il ritratto classico mostrava quasi sempre l’eroe equilibrato e forte, anche nei momenti di patetica ascesa, preservando la chiarezza e la fermezza dello spirito.

Qui, l’equilibrio si perde: la tensione interna è diventata esagerata e irrequieta, l’energia non sembra lo stato naturale dell’eroe, ma con una postura deliberatamente adottata, il viso è diventato una maschera impenetrabile che nasconde il carattere e il mondo spirituale di una persona. Ingres, come un vero ritrattista del 19 ° secolo, è troppo attento e zorok per preservare la tradizione classica di idealizzazione dell’eroe, registra l’ordinarietà interna ed esterna del modello con accuratezza documentale e quando il suo pennello le conferisce forza di volontà esterna, l’immagine è in balia di una forte dissonanza. Gli echi di questa dissonanza si avvertono anche nel ritratto.

Il suo sfondo paesaggistico è drammatico con un cielo plumbeo prima della tempesta.

Il colore cremisi della fodera del mantello invade eccitato una gamma di sfumature blu-nere opache. L’immagine di Ingres, come sempre, è impeccabilmente virtuosica, ma la sua durezza rende tutte le linee tese, e la fredda chiarezza con cui chiude ogni dettaglio in sé o differenzia nettamente le macchie di colore provoca una sensazione ansiosa di alienazione, disconnessione delle forme. In questa superba tela, armonia classica ed eleganza di eccellenza, spietata analiticità e una discordanza romanticamente aggravata negli atteggiamenti vanno di pari passo. Come molte altre opere di Ingres, porta l’impronta delle controversie di una svolta in cui ha lavorato un maestro eccezionale.

La foto proviene dalla collezione di A. N. Naryshkina a Pietrogrado nel 1922.