Radonitsa (Prima di cena) – Abram Arkhipov

Radonitsa (Prima di cena)   Abram Arkhipov

Radonitsa è una festa di primavera pagana per i morti; fu commesso, secondo la testimonianza di Giovanni Crisostomo, nei cimiteri cristiani già nell’antichità, di solito martedì a San Tommaso. Inizialmente, il concetto di “Radonitsa” aveva un significato plurale e significava i nomi delle divinità ancestrali pagane, i guardiani delle anime dei morti, la venerazione personificata dei defunti; Radunitsam e i morti furono sacrificati sui tumuli in modo che l’anima del defunto potesse godere della vista del rispetto che i viventi le danno.

Alcuni ricercatori, non senza motivo, hanno chiamato la parola “Radonitsa” vicino alle parole “gentile”, “antenato”, altri hanno visto in essa la stessa radice della parola “gioia”, poiché in Radonitsa i morti sono chiamati dalle loro tombe per la gioia della risurrezione. Tutta la Russia, senza eccezione, si affrettò a Radonitsa nei cimiteri per cullarsi con i loro parenti defunti, per curare i defunti per l’eternità con un uovo rosso e altre vie. Tre o quattro uova furono deposte sulla tomba, e talvolta vi furono seppellite, furono fracassate contro una croce grave, le sbriciolarono immediatamente o le diedero alla povera fraternità alla menzione delle loro anime.

Certo, i vivi non ricordavano i morti, la vecchia chiesa slava Trizn, una caratteristica distintiva del popolo russo, non avrebbe potuto fare senza lo spuntino e l’abbuffata fatti proprio lì al cimitero.

Sebbene onorare la memoria dei morti, preservando ancora qualche misteriosa connessione con i vivi, si svolge ovunque in Russia e in tutti i casi appropriati che non possono nemmeno essere elencati, tuttavia Radonitsa come il giorno commemorato era il più distinto dagli altri, differendo nell’umore gioioso dei commemoratori. Può sembrare strano come la tristezza del defunto per l’eternità fosse connessa alla gioia, ma ciò fu spiegato, in primo luogo, dalla profonda fede del popolo russo, che verrà il momento in cui tutti i morti risorgeranno dalle loro tombe, una convinzione sostenuta dalla Risurrezione di Cristo allo stesso tempo. e in secondo luogo, Krasnaya Gorka – una allegra vacanza primaverile, il risveglio della natura, che è morto per un lungo periodo dell’anno, ha messo la persona di buon umore, spinto a dimenticare questa volta la morte dura e spietata, a pensare alla vita,

Questo è il motivo per cui la maggior parte dei matrimoni allegri e rumorosi sono stati cronometrati fino a questo momento, con le loro caratteristiche canzoni popolari, accompagnate da canzoni di primavera. E dopo questa vacanza di primavera, seguirono Semik, Sirene, Ivan Kupala, ecc. Dopo l’adozione del cristianesimo, la festa di Radonitsy ricevette un contenuto completamente nuovo.

La Chiesa ortodossa confessa che non solo i santi di Dio ortodossi, ma tutti i credenti non muoiono, ma vivono nel Signore. Il Salvatore, con la sua ribellione dai morti, ha vinto la morte e ora trasferisce i suoi schiavi solo in un’altra vita – eterna. Pertanto, i cristiani morti non cessano di essere membri della Chiesa e mantengono una vera comunione viva con lei e con il resto dei suoi figli.

Questo è ciò che accade nel giorno di Radonitsy. Dopo la liturgia, viene celebrato il servizio commemorativo universale.