Preghiera della coppa – El Greco

Preghiera della coppa   El Greco

Gli artisti spesso trasferiscono sulla tela non ciò che vedono, ma ciò che la loro immaginazione attira loro. Ma lo spazio pittorico non dipende direttamente dal materiale sorgente dell’artista – reale o speculativo; è soggetto alle proprie leggi.

La composizione di “Pregare per la coppa” di El Greco è costruita sullo scontro di elementi irrazionali e apparentemente incomparabili, che, combinati, trasmettono il sentimento mistico del climax spirituale che accompagna questo episodio evangelico. Al centro della tela c’è Gesù inginocchiato; il contorno della roccia dietro la schiena ripete i contorni della sua figura.

A sinistra, dall’alto, un angelo lo guarda, con in mano una coppa d’oro – un simbolo delle passioni di Cristo. L’angelo vola come una nuvola che avvolge i discepoli addormentati di Cristo. In lontananza sulla destra vediamo Giuda e i soldati che vanno ad arrestare Gesù.

Due enormi nuvole posizionate simmetricamente danno alla composizione un equilibrio.

L’intero paesaggio nel Giardino del Getsemani, dove dominano i poteri soprannaturali, diventa un simbolo delle sofferenze di Gesù, che lo spettatore sperimenta con lui. Le caratteristiche dello stile di El Greco – luce misteriosa, mortale, forme allungate e colorazione espressiva contribuiscono a questo sentimento di empatia.