Adorazione del nome di Cristo – El Greco

Adorazione del nome di Cristo   El Greco

Dopo il successo di Espolio, dopo aver trovato famiglia, amici e sostenitori a Toledo, El Greco potrebbe continuare a lavorare con calma in questa città. Tuttavia, il sogno di ricevere un ordine a Escorial gli ha promesso un futuro diverso, più complesso e brillante. L’artista probabilmente era consapevole che il campo di attività nell’antica capitale spagnola era troppo stretto per le sue possibilità.

La sua speranza è stata rafforzata quando ha scritto L’Adorazione del Nome di Cristo.

È rappresentato un grandioso atto mistico, tutti i cui membri – tra cui l’imperatore Carlo V e il re Filippo II – adorano il nome di Cristo che appare nel cielo nel bagliore delle nuvole e circondato da impennati angeli. L’anagramma di Gesù qui impresso serviva come simbolo dell’ordine dei Gesuiti. Tuttavia, El Greco pensava meno alla glorificazione di questo ordine, la cui influenza si sentiva abbastanza in Italia e ancora più fortemente sentita in Spagna.

Prima di tutto, ha cercato di compiacere il re. Mai più tardi ha scritto tali dipinti ufficiali.

Alla ricerca di soluzioni creative, gli occhi del maestro si rivolgono ancora una volta all’Italia. Forse El Greco è venuto in mente le impressioni dell’arte di Tintoretto, il creatore di enormi scene di folla, permeato dall’unità dell’esperienza di molte persone. Mentre lavorava al “Culto del nome di Cristo”, dove immagini di cielo, terra e inferno si uniscono in uno spazio irrazionale, El Greco ha ricordato Michelangelo. L’eco del “Giudizio Universale” si fa sentire nell’immagine dei nudi corpi muscolari dei peccatori – un flusso umano senza fine, che viene assorbito dall’enorme bocca di un mostro, che simboleggia l’inferno.

Come un inquietante promemoria del prossimo giorno di punizione, apparve anche il piano spettrale distante dell’immagine.

Tuttavia, i grandi problemi che preoccuparono El Greco in questa tela non trovarono qui una degna espressione artistica. Una netta contraddizione sorse tra l’immagine della grandiosa immagine del mondo fantastico ultraterreno e la scala piccola, quasi intima dell’immagine. L’essenza di questa contraddizione non era tanto nelle dimensioni della tela, ma nel fatto che il maestro non poteva soddisfarlo con la sensazione di monumentalità.

L’immagine sembra essere frazionaria, meschina, carica di molti dettagli, scritta a secco, contiene qui uno strano, ingiustificato divertimento.

Il desiderio di El Greco in un modo o nell’altro di seguire la tradizione è sentito in tutta la struttura visiva del quadro. Numerose tecniche di successo nell’immagine di due flussi spaziali, ricche sfumature di rosso e alcuni dettagli non possono compensare le sensazioni della sua generale debolezza artistica. Ora, quando i gusti dell’epoca sono caduti in un lontano passato, quando i capricci e le opinioni di re Filippo II hanno un interesse secondario nella storia della pittura, il fallimento creativo che ha colpito El Greco è evidente.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)