Malinconia e il mistero della strada – Giorgio de Chirico

Malinconia e il mistero della strada   Giorgio de Chirico

“Melancholia and the mystery of the street” è l’opera più famosa non solo di de Chirico, ma dell’intero movimento artistico, indicato come “pittura metafisica”. L’immagine è stata studiata in dettaglio dagli storici dell’arte per molte volte e l’autore stesso ha introdotto molte spiegazioni in seguito. L’immagine è divisa visivamente in due parti: la piazza illuminata dal sole con il portico e nascosta dall’ombra, il primo piano con lo stesso porticato.

Il ruolo principale qui è anche condiviso da due incarnazioni: gli eroi nella forma di una ragazza che corre dietro un cerchio e un’ombra formidabile a cui la ragazza si precipitò, così come il paesaggio urbano del deserto stesso, raffigurato in varie proiezioni isometriche. La storia dello studio di questa immagine da parte di esperti è un vivido esempio di quando le persone vogliono trovare un significato profondo nascosto, che l’autore non ha affatto definito. Per molti anni è stato sostenuto che l’ombra a cui corre una ragazza non è altro che una persona che porta un pericolo e un grado estremo di aggressività.

Lo stesso De Chirico ha spiegato che questa è solo un’ombra della statua, che non è visibile allo spettatore. Notevoli controversie provocano e aprono la porta del furgone, nascosto all’ombra dell’edificio. Alcuni credono che la storia sia nascosta qui: questo è lo scherzo infantile dell’eroina della foto, altri sono convinti che l’immagine delle porte aperte del furgone fosse dettata da semplici requisiti compositivi.

In generale, tutto in questo quadro è subordinato alla creazione di una composizione armoniosa armoniosa e, a tal fine, l’autore non ha paura di distruggere le leggi della proiezione e dello spazio e portare punti controversi nella trama.