L’incontro di Anna con Joachim al Golden Gate – Giotto di Bondone

Lincontro di Anna con Joachim al Golden Gate   Giotto di Bondone

Secondo la leggenda, gli anziani coniugi Anna e Gioacchino, dopo che l’angelo aveva annunciato individualmente a tutti che avrebbero avuto un figlio, si affrettarono a incontrarsi. Anna, accompagnata da diverse donne, incontra suo marito di ritorno dal campo e si incontrano davanti alla Porta d’oro di Gerusalemme.

Profondamente agitati, si abbracciano calorosamente. Nella foto, la fusione delle loro figure è enfatizzata dall’unità dell’alta torre del portone sullo sfondo. La linea di due profili uniti, per così dire, continua, sottolineando l’aspirazione verticale dell’angolo destro della torre. Proprio come attraverso strette feritoie nelle nude pareti delle torri non si può vedere la vita della città, quindi è impossibile indovinare dai volti dei personaggi principali della scena cosa sta succedendo nelle anime dei coniugi felici.

I loro sentimenti si riflettono piuttosto sui volti delle donne in piedi sotto l’arco della porta della città, e sul volto pieno di curiosità del pastorello nell’angolo sinistro del quadro.

L’unità compositiva della scena è enfatizzata dalla tensione interna, dal potere suggestivo di visioni e gesti. Gli elementi dell’architettura – l’ampio arco del cancello e la torre della portineria – hanno smembrato i personaggi in gruppi separati, ma allo stesso tempo li uniscono. La profondità del primo piano è trasmessa da un ponte di pietra, lanciato attraverso il fossato della città.

La plausibilità dello spazio dietro il cancello è ottenuta da un modello a terrazze a tre pilastri, sottolineando contemporaneamente tre figure femminili sotto l’arco.