Il libro dei piccioni – Nicholas Roerich

Il libro dei piccioni   Nicholas Roerich

Molte delle prime opere di Nicholas Roerich furono dedicate al tema “Antica Russia. Slavi”. In questi dipinti, l’artista è riuscito a sollevare il velo del tempo, spostando lo spettatore molti secoli fa – nella terra di antenati lontani.

Spesso le trame erano tratte da leggende, leggende e apocrifi. Roerich era sempre interessato all’essenza delle eterne domande dell’universo. Inizio simbolico e cosmogonico espresso molto presto nell’opera dell’artista. Già nelle opere dei primi del 1900, ha creato un’immagine spiritualmente tesa e multi-valore del mondo slavo idealmente bello, ispirato al sogno dell ‘”età d’oro”, che si manifestava chiaramente in schizzi di dipinti e mosaici.

Il suo dipinto “The Pigeon’s Book” illustra il verso spirituale popolare russo con lo stesso nome.

Il libro dei piccioni tratta dell’origine del mondo. Il significato della leggenda è filosofico, con versioni successive della mitologia cristiana: ci sono echi preservati dei tempi più profondi, che raggiungono la fonte del comune sia per i Veda indiani che per il folklore russo. Non è per niente che il libro prezioso su cui cantavano i narratori si chiama “piccione”, cioè “profondo”, che significa sia “antico” che “saggio”.

Secondo la leggenda, il libro sacro è caduto a terra da una nuvola temporalesca. Non era “né piccola né grande: le valli del libro delle gazze sazhen, le travi incrociate di venti sazhen”. Centinaia di cristiani da re e principi alla gente comune sono venuti a guardare il libro, ma nessuno osa toccarlo.

Solo il più saggio re David Yevseyevich, le si avvicinò. Lei aprì, rivelando a lui la parola di Dio. Quindi il principe Volodymyr Volodymyrovich si avvicinò al libro e chiese a re David di leggere e spiegare gli atti di Dio per capire come creò la terra, il bellissimo sole, la luna, le stelle e così via. Ma il re saggio rispose che non sapeva leggere il libro sacro, perché era troppo grande.

Non può tenerlo tra le mani o metterlo su un leggio, ma può recitare a memoria la parola di Dio: “La terra cominciò ad essere secondo la volontà di Dio; “. L’episodio nella foto viene presentato mentre la leggenda narra di lui.

Un oscuro temporale sopra la città russa medievale, di fronte alla cattedrale si trova un enorme libro aperto. Accanto ad esso sorge il re dalla barba grigia e trasmette la saggezza del suo “popolo ortodosso”, raccolto attorno al grande Libro. “E il libro del piccione è caduto dal cielo. E il tesoro è venuto dall’alto.

E non hanno trovato immediatamente un saggio per leggere il libro. E varie nazioni ricordano che questi hanno portato degli sfratti…”