Giuditta con la testa di Oloferne – Lukas Cranach

Giuditta con la testa di Oloferne   Lukas Cranach

La città fortificata israeliana di Vetiluy, situata sulle montagne, fu assediata dalle truppe del re assiro Nabucodonosor. Comandarono un eccezionale comandante Holofern. Aveva già previsto una rapida vittoria, ma ciò è stato impedito dalla ricca vedova Judith che viveva in città.

Judith ha esortato le persone a non arrendersi, le ha incoraggiate. come poteva. e poi decise di salvare la sua città e la gente assediata.

Judith era molto bella e sapeva del suo fascino. Si vestì con abiti ricchi e, insieme alla sua cameriera, andò dal grande comandante Oloferne, dicendo ai suoi servi che stava portando dei regali. Oloferne, vedendo la bella Giuditta, cantò immediatamente con affetto per lei e la invitò a tavola.

Parlarono a lungo, festeggiati. Quando calò la notte, Oloferne liberò i suoi servi. Bevuto troppo, si addormentò rapidamente.

Quindi Judith pregò, chiedendo perdono al Signore, afferrò Holoferna per la testa e con tutte le sue forze colpì la spada sul suo collo. Il sangue schizzò e la testa di Oloferne era nelle sue mani.

Judith avvolse la testa del comandante in una tenda e lo portò fuori dalla tenda. Judith e la sua domestica si avvicinarono con attenzione alle porte della loro città e mostrarono agli abitanti assediati il ​​capo del crudele Oloferne. Delizia e giubilo spazzarono tutti gli abitanti della città. E i guerrieri assiri al mattino trovarono il cadavere di un comandante decapitato.

Il terrore del panico travolse i guerrieri e, prendendo il corpo di Oloferne, fuggirono dalla città di Vetiluy.