Fuga in Egitto – Tiziano Vecellio

Fuga in Egitto   Tiziano Vecellio

Il dipinto entrò nell’Ermitage tra il 1763 e il 1774. Nella seconda metà del XIX secolo era nel palazzo Gatchina. Ritorna all’Ermitage nel 1924.

La paternità di Tiziano non è universalmente accettata.

Alcuni esperti associarono il quadro ai nomi di Giovanni Cariani, Parigi Bordone e ai maestri del circolo Giovanni Bellini. La maggior parte dei ricercatori moderni lo ha attribuito a Tiziano, sulla base della testimonianza di Vasari, che ha visto un’immagine simile nella casa di Andrea Loredan a Venezia.

Nel 1648, secondo la testimonianza di Carlo Ridolfi, si trovava nel palazzo veneziano della famiglia Calergi Grimani. Sebbene la descrizione di “Fuga in Egitto” di Vasari differisca in alcuni dettagli dall’immagine dell’Ermitage, a quanto pare possono essere identificati, poiché l’introduzione di un gran numero di animali in una scena è un motivo raro nella pittura veneziana dell’inizio del XVI secolo.

Apparentemente, è di origine settentrionale e potrebbe essere associato al soggiorno ad Albrecht Dürer nel 1505-1506 a Venezia.

Vasari sostiene che il dipinto sia stato dipinto subito dopo la fine dell’opera congiunta di Tiziano e Giorgione sugli affreschi del Fondaco dei Tedeoque, ovvero una delle sue prime opere. Allo stesso tempo, Tiziano crea in lei un nuovo tipo di composizione evangelica per Venezia, interpretata come un monumentale personaggio epico di una scena rurale.