Composizione VII – Wassily Kandinsky

Composizione VII   Wassily Kandinsky

In questo periodo, Kandinsky ha lavorato su una nuova formula pittorica composta da linee, punti e figure geometriche combinate che rappresentano la sua ricerca visiva e intellettuale. L’astrazione lirica si è spostata verso una composizione scientifica più strutturata.

La settima composizione è giustamente chiamata l’apice della creatività artistica di Kandinsky nel periodo precedente alla prima guerra mondiale. È stata preceduta da oltre trenta schizzi, acquerelli e opere petrolifere, che “documentano” il processo di creazione del lavoro. Sorprendentemente, dopo che l’artista ha completato un lungo lavoro preliminare, la composizione stessa è stata scritta in soli quattro giorni, come dimostrano le fotografie scattate tra il 25 e il 28 novembre 1913.

Il motivo principale – la forma ovale, intersecata da un rettangolo irregolare, è percepita come un centro, circondato da un turbinio di colori e forme. I critici d’arte, grazie alle registrazioni e allo studio di alcune opere, hanno determinato che la settima composizione è una combinazione di diversi temi: la resurrezione dei morti, il giorno del giudizio, il diluvio e il giardino dell’Eden, espressi come una simbiosi di pura pittura.

La transizione all’uso di elementi pittorici di base segnò l’inizio di un periodo drammatico nell’opera di Kandinsky e divenne il precursore dell’apparizione dell’arte astratta. Kandinsky ha concepito un nuovo stile, attualmente noto come un’astrazione lirica.

L’artista, attraverso il disegno e il disegno, imitava il flusso e la profondità di un’opera musicale, la colorazione rifletteva il tema della profonda contemplazione. Nel 1912, scrisse e pubblicò lo studio di base “On the Spiritual in Art”.