Cerchi nel cerchio – Vasily Kandinsky

Cerchi nel cerchio   Vasily Kandinsky

Il dipinto “Circles in a Circle” mostra lo stile speciale di Kandinsky nei primi anni 1920, quando iniziò a insegnare al Bauhaus di Weimar. Si allontanò dallo stile spontaneo della pittura in una composizione geometrica.

In questo documento, ventisei cerchi intersecanti di diverse dimensioni e colori circondano il cerchio nero, molti dei quali intersecati da linee nere diritte. Due fasci luminosi di blu e giallo, che passano dagli angoli superiori, si intersecano verso il centro, cambiando i colori dei cerchi, dove si sovrappongono.

Sebbene l’immagine “Circles in a Circle” differisca nettamente dalle altre opere di Kandinsky all’inizio del ventesimo secolo, riflette la sua immutata sicurezza che certi colori e forme significano emozioni che possono essere codificate e combinate in un unico intero, che riflette l’armonia del cosmo.

Per Kandinsky, il cerchio, una delle forme più elementari, aveva un significato simbolico e cosmico. Ha scritto che “un cerchio è una sintesi delle più grandi opposizioni. Combina concentrico ed eccentrico in una forma e in equilibrio”.

Nel 1931, in una lettera a Emily Hag al Museum of Art di Philadelphia, descrisse “Circles in a Circle” come “la prima immagine di una miniera, per portare in primo piano l’argomento dei cerchi”.

“Cerchi in un cerchio” è una composizione chiusa compatta. Kandinsky iniziò uno studio ponderato del cerchio come un blocco artistico, iniziando da questa immagine. Il cerchio nero esterno, come se fosse il secondo fotogramma per l’immagine, ci spinge a concentrarci sull’interazione dei cerchi interni e due strisce diagonali che si intersecano per migliorare l’effetto, aggiungendo prospettiva alla composizione.