Arles Ladies – Vincent Van Gogh

Arles Ladies   Vincent Van Gogh

Vincent van Gogh – rappresentante del postimpressionismo in pittura. Durante la sua vita, non è stato riconosciuto, era in realtà un mendicante, e oggi le sue tele sono l’orgoglio di qualsiasi museo e buona fortuna per la casa d’aste.

Il secondo titolo del dipinto proviene dal villaggio di Etten in Olanda, dove vivevano i genitori di Van Gogh. Così, una contadina olandese che si prende cura dei fiori appare sulla tela e sullo sfondo un campo di cavoli. Il colore brillante e l’ombra rossa sull’ombrello sono associati alla luce accecante della Provenza.

La tela non è scritta dalla natura, ma secondo l’immaginazione. Tutto è piatto, sia figure che paesaggio. Lo spazio non si sviluppa in profondità, corre parallelo al piano della tela in zone separate – questo metodo Van Gogh preso in prestito da artisti giapponesi.

All’interno della “zona” sono saturi di pennellate rapide e tangibili, creando dinamismo interno delle forme.

“Arles ladies” – un’opera ambigua, molto complessa. Nonostante i colori brillanti dei colori, l’immagine regala allo spettatore una involontaria sensazione di ansia, aggravata dai volti tristi delle donne che camminano. L’opera è stata scritta negli ultimi 8 anni della vita dell’artista, quando il mondo gli ha portato solo sofferenza.