Al tavolo da tè – Konstantin Korovin

Al tavolo da tè   Konstantin Korovin

Le prime opere veramente impressionistiche di Korovin sono di solito attribuite ai cosiddetti dipinti “Zhukovsky”. Il ciclo prese il nome dal villaggio di Zhukovka, dove si trovava la dacia Polenov, con cui Korovin era amico. L’artista è venuto qui non solo per l’aria fresca, ma anche per risolvere importanti problemi tecnici – Korovin ha lavorato molto sul problema del trasferimento dell’ambiente di luce e aria.

Va notato subito che tali domande sono già state sollevate nei dipinti degli impressionisti francesi e ognuno di loro ha trovato il suo modo di attuare questo compito, poiché per Korovin era più vicino all’approccio di Monet, che ha messo in primo piano il paesaggio circostante rispetto all’eroe umano.

La vita di campagna a Polenov procedeva rapidamente e affollata: l’ospitante ospitale incontrò volentieri amici, compagni e studenti. Nesterov, Serov, Ostroukhov e molte altre personalità di spicco della loro epoca rimasero qui. Tutti questi ospiti sono diventati gli eroi dei dipinti “Zhukovsky” di Korovin.

Nel dipinto “Al tavolo da tè”, la pittrice ha raffigurato Elena Polenova, Natalia Polenova, sua sorella, la giovane artista Maria Yakunchikova e l’amica di famiglia Vyacheslav Ziberova.

A prima vista, colpisce una composizione puramente impressionistica – l’effetto di una cornice casuale, inventata da soci francesi. Come se gli eroi fossero stati accidentalmente sigillati sulla tela – le loro pose sono rilassate e tutti sono occupati con i propri affari. Il centro della composizione è stato deliberatamente spostato a sinistra e il bordo troncato, per così dire, dallo stesso lato sinistro sembrava riprodurre l’intera storia.

Si sedette, si dice, l’artista al tavolo, si alzò e catturò questa scena – lasciò la sedia vuota e si mosse leggermente come se Korovin si fosse appena alzato. Questo pittore e ha cercato di rappresentare un momento momentaneo nel suo realismo e dinamismo.

È insito in molti dipinti degli impressionisti: identificare il genere di lavoro “Al tavolo da tè” è piuttosto problematico. La tela ha assorbito solo un po ‘di tutto: lo spettatore attento può distinguere tra le caratteristiche di un ritratto di gruppo, una scena di genere, un paesaggio e una natura morta.

Il lato emotivo dell’immagine è incredibilmente realizzato. Ognuno dei partecipanti trasmette la sua atmosfera – un umore calmo regna intorno a Natalia con il cucito nelle sue mani, una certa tensione si sente nelle pose e nei volti degli altri. Perfino la figura ritagliata di Elena, che ci è visibile da dietro, lo testimonia eloquentemente.

Nel suo umore e nella sua luce, l’immagine di Korovin è molto simile al dipinto di Auguste Renoir.