Vista di Parigi dalla stanza di Vincent in Rue Lepic II – Vincent Van Gogh

Vista di Parigi dalla stanza di Vincent in Rue Lepic II   Vincent Van Gogh

Dopo essersi trasferito a Parigi, Van Gogh si stabilì con suo fratello Theo. Nell’estate del 1886 si trasferirono in un nuovo appartamento, che si trovava in Lepic Street. Dalle finestre c’era una vista mozzafiato su Parigi, c’erano anche colline oltre la città e un cielo enorme.

Theo ha scritto che questa bellezza è fonte di ispirazione per molte opere e, guardandola, puoi fare versi.

Van Gogh è stato davvero ispirato dalla vista. Oltre a questo lavoro, ha creato molti altri schizzi e un dipinto ad olio. Tutti riflettono la straordinaria bellezza della vecchia Parigi.

L’artista delinea con amore le opere in pietra di case che torreggiano su entrambi i lati, tetti di tegole, persiane aperte alle finestre. Solo con attenzione, ma con molta più generalizzazione, i tetti delle case sono scritti lontano.

L’immagine è scritta in tonalità fredde che enfatizzano la leggerezza e la leggerezza dell’atmosfera. Il posto più grande è riservato al cielo, coperto da piccoli cirri. Infinitamente largo, crea un’atmosfera di disattenzione e leggerezza nella foto e una striscia blu di colline all’orizzonte sottolinea l’infinito dello spazio, attirando l’occhio in profondità nella tela.

Grazie a tutto ciò, la vista dalla finestra diventa ancora più bella e Van Gogh riflette amorevolmente e attentamente tutta la sua bellezza nella sua tela.