Un paio di scarpe (scarpe) – Vincent Van Gogh

Un paio di scarpe (scarpe)   Vincent Van Gogh

Natura morta “Scarpe” Van Gogh scrisse nel 1887 a Parigi. Oltre a questa immagine, ha creato altre cinque immagini simili di vecchie scarpe. Insieme, questi lavori hanno realizzato un’intera serie.

La composizione dell’immagine è estremamente semplice. Vah Gog ha ritratto un paio di scarpe ben consumate, posizionandole al centro della tela su uno sfondo blu. Apparentemente, le scarpe appartengono al lavoratore.

Una scarpa, come se fosse stata lanciata rapidamente con una gamba stanca, è stata capovolta. L’artista raffigura accuratamente e sinceramente le scarpe che hanno perso la loro forma, le suole consumate, i lacci sfilacciati.

La colorazione dell’immagine si basa su una combinazione di colori rosso-marrone, blu scuro e nero. Nonostante la sua semplicità compositiva e la mancanza di trama, la tela sembra molto armoniosa.

Perché Van Gogh ha raffigurato le scarpe? Questa domanda è ancora aperta agli storici dell’arte. Forse voleva dimostrare che per raggiungere un obiettivo, una persona non deve risparmiare gli sforzi per superare gli ostacoli e andare avanti.

Forse gli stivali consumati sono la personificazione del lavoro pesante e sovraccarico del lavoratore.

O forse l’artista non intendeva dire nulla. Proprio come un vero creatore, improvvisamente ho visto una sorta di inspiegabile armonia in una cosa così anonimo, come le scarpe consumate. E con facilità il maestro lo trasferì sulla tela.