Sirene – Konstantin Makovsky

Sirene   Konstantin Makovsky

I contemporanei chiamavano Makovsky proprio come il “geniale Kostya”, e l’imperatore Alessandro II lo considerava il “suo” artista e si affidava a lui per dipingere i ritratti della coppia reale. Le foto di Konstantin Makovsky non passano mai inosservate. È successo con il suo lavoro “Sirene”, che un tempo faceva molto rumore. I critici V. Stasov e V. Garshin hanno dato una valutazione nettamente negativa della tela per una “plastica drammatica di corpi femminili nudi usando tecniche accademiche del salone”. L’immagine è stata discussa in modo così energico che persino lo stesso Alessandro II, abbastanza calmo riguardo alle arti visive, ha visitato per la prima volta personalmente la mostra mobile.

Artista creativo, era contento.

La festa pagana di Rusalia, celebrata nella “settimana delle sirene” dal 19 al 24 giugno, è servita come trama per il quadro di Makovsky. Le sirene erano considerate una forza oscura e impura. Ma allo stesso tempo, temendo un incontro con loro alla solita ora, durante la settimana delle vacanze, le persone stesse li chiamavano per prevenire la siccità – dopo tutto, l’elemento e il luogo di residenza delle sirene erano l’acqua.

Uno di questi giorni, quando bellissime sirene si divertono e camminano, ed è raffigurata su tela.

L’artista ha raffigurato le fanciulle d’acqua nel pieno rispetto delle idee della mitologia slava orientale. Per tradizione, le sirene erano considerate personaggi mistici, misteriosi e persone molto reali, per volontà del destino trasformata in sirene. Potrebbero essere le ragazze che sono morte prima del matrimonio, i bambini non battezzati, quelle che sono morte o rubate dalla madre, le persone che sono morte in una settimana mercenaria.

Esternamente, i personaggi della mitologia slava differiscono dalla solita immagine di una sirena.

Le fanciulle di acqua slava non possono essere distinte da una persona comune – non hanno una coda di pesce. Le sirene hanno capelli lunghi lussuosi, che non intrecciano mai in trecce, ma sono indossate sopra le spalle. La nudità, per un’immagine realistica e dettagliata, così criticata dall’artista, corrisponde anche alle nozioni tradizionali di sirene. Molto spesso erano raffigurati esattamente nudi, coperti solo da fogliame verde.

Nelle loro canzoni, le sirene spesso chiedevano camicie e, secondo le credenze, potevano rubare filati, tela e sciarpe. Il passatempo preferito delle sirene è quello di divertirsi nell’acqua e dondolarsi sui rami degli alberi. Impiegò il passatempo preferito e scrisse le loro mitiche eroine Makovsky.

L’immagine è piena di un alone di misticismo e mistero. La mitologia dei personaggi è supportata dallo sfondo del quadro: la tavolozza di colori scelta dai pittori dipinge un’affascinante notte oscura in cui giovani sirene, avvolte in una foschia nebbiosa, vanno via verso il cielo, affascinando con le loro danze e invitando l’occasionale testimone del loro divertimento.