Sera – Caspar David Friedrich

Sera   Caspar David Friedrich

Due viaggiatori vagano nel crepuscolo tra i pini sempreverdi. Le loro figure sono così piccole che è persino impossibile capire se sono uomini o donne, vecchi o giovani. Come sempre, in questi casi con Federico, si può supporre che si tratti di “persone in generale” che seguono la strada della vita.

Il crepuscolo si sta radunando, il verde degli alberi sembra quasi nero. Ma più avanti, tra i tronchi dei pini, uno spettatore attento vedrà una luce fioca ma calda. Promette ai vagabondi che la fine del loro viaggio è vicina.

La comprensione del simbolo di V. A. Zhukovsky, dopo aver incontrato Federico nel 1821, scrisse di lui: “Guarda la natura non come un artista che cerca solo un campione per un pennello, ma come una persona che vede costantemente il simbolo della vita umana nella natura” . Solitudine e intensa contemplazione: questo è il credo creativo di Federico.

Sorprendentemente, è così: l’artista non ha mai mostrato alcun interesse particolare né per le tele dei vecchi maestri né per le opere dei suoi contemporanei. Questa “ignoranza” era cosciente? O Federico ha fatto la sua strada, obbedendo solo all’istinto artistico?

Consciamente o inconsciamente, ma per tutto il tempo sembrava allontanarsi da lui intermediari che potevano stare tra lui e la natura, bloccandola da lui.

Lo stile alieno di scrittura, lo sguardo alieno sul mondo di Dio – tutto ciò lo ha solo ostacolato. E in questo, Federico era un perfetto protestante. Desiderò se stesso, senza fare affidamento sull’interpretazione di nessuno, di leggere il Vangelo inscritto sulla faccia della Terra.