Santa Prakseda – Jan Vermeer

Santa Prakseda   Jan Vermeer

Dipinto del pittore olandese Jan Vermeer Delft “Holy Prakseda”. La dimensione del dipinto è di 90 x 74 cm, olio su tela. Questo dipinto è considerato il primo lavoro del pittore, una copia gratuita della tela dell’artista italiano Ripozo di Firenze, molto probabilmente commissionata da un ordine gesuita.

Nel quartiere in cui Vermeer visse nel 1655, la loro missione fu localizzata e la Santa Prakseda godette di un onore speciale tra i seguaci di Ignazio di Loyola. Prakseda, Santa Vergine. Prakseda era la figlia del senatore di Roma fin dai primi tempi cristiani di Pud, considerato il possibile fondatore della chiesa romana di Santa Prassede.

Secondo le leggende storiche del 6 ° secolo, Pud era un senatore romano nella metà del 1 ° secolo e nella sua casa fece un luogo per incontri segreti dei cristiani, che lo stesso apostolo Pietro consacrò. Più tardi, la casa di Pud fu convertita in una chiesa, chiamata pastorale, e lo stesso Pud fu giustiziato durante il periodo dell’imperatore Nerone durante il periodo di persecuzione dei cristiani, essendo decapitato con una spada.

In futuro, Pud fu riconosciuto come il settantuno apostolo. Le sue figlie, Praksed e Pudenzian, lavarono i corpi dei cristiani torturati e li seppellirono segretamente nella basilica, che il loro padre aveva costruito. Secondo le prime leggende cristiane, Praksed sacrificò la sua considerevole fortuna per aiutare i martiri cristiani; i corpi dei credenti giustiziati furono raccolti e portati a lei; Prakseda li lavò, raccogliendo sangue nei vasi sacri e poi seppellì i morti secondo il rito cristiano.

Si ritiene che a Roma il VI secolo abbia unito la memoria delle antiche vergini che si prendevano cura dei cristiani imprigionati e seppellivano i corpi dei martiri con la memoria di Pud, suggerendo che Praksed e Pudenzian erano le sue figlie e sorelle l’una con l’altra. Secondo le cronache, la Basilica di Santa Prassede o la chiesa in nome di San Lodato,

Situato a Roma, nelle immediate vicinanze della chiesa di Santa Maria Maggiore. Uno degli strumenti della Passione di Cristo è conservato nella Basilica di San Prakceda, il pilastro a cui Cristo fu legato durante la sua fustigazione. Ad oggi, una piccola parte dei ricercatori delle opere dell’artista Jan Vermeer ha ancora dubbi sulla paternità di “Holy Prakseda”.

La firma “Meer, una copia di Ripozo, 1655”, che è poco riconoscibile nella foto, non convince alcuni degli storici del barocco olandese, a loro avviso, lo stile e il modo di scrivere la foto sono diversi dalle altre opere dell’artista. Diversi anni fa, in Russia, trentacinque opere di pittura dell’Europa occidentale furono esposte alla mostra sotto gli archi della restaurata Pashkov House di Mosca, incluso il dipinto “St. Praxed” di Jan Vermeer Delft.