Geografo – Jan Vermeer

Geografo   Jan Vermeer

Dipinto del pittore olandese Jan Vermeer Delft “Geografo”. La dimensione del dipinto è di 52 x 46 cm, olio su tela. Nei dipinti dell’artista olandese “Astronomo” e “Geografo” ci sono molte caratteristiche caratteristiche di tutto il lavoro di Vermeer.

In particolare, la luce naturale proveniente dalla finestra sul lato sinistro della foto, un tavolo coperto da un tappeto, una foto e una mappa sulla parete di fondo.

L’artista, ovviamente, aveva familiarità con le opere dei suoi contemporanei, in particolare i maestri della scuola di Rembrandt, raffiguranti uomini colti. La posa del “Geografo” è molto simile all’immagine di Faust sulla famosa incisione di Rembrandt con lo stesso nome. Ma a differenza di altri dipinti dell’artista, raffiguranti donne autosufficienti immerse nei loro affari, questa tela raffigura un uomo istruito impegnato in un intenso lavoro mentale. È vestito con una vestaglia spaziosa – i vestiti degli scienziati di quel tempo.

Appoggiandosi alla mappa di navigazione della pergamena spiegata sul tavolo, sembra aver alzato la testa per un minuto per fare i calcoli necessari.

Il circo, che il geografo tiene nella sua mano destra, serviva a misurare le distanze, un altro dispositivo di misurazione, il goniometro, giace su una sedia sul lato destro del quadro. La sedia, in piedi vicino alla parete di fondo, è coperta da un arazzo con ornamenti floreali, sul pavimento ci sono diverse carte arrotolate e sul muro c’è una mappa della “Costa del mare d’Europa” di William Jans Blau. Lo stesso gabinetto, rappresentato nella figura “Astronomo”, si trova nello stesso angolo vicino alla finestra.

Su di esso ci sono diversi libri e un globo Yodokus Hondius del 1600. Il suo globo celeste è raffigurato nel dipinto Astronomo. Entrambe le foto, molto probabilmente, rappresentano la stessa persona.

Si ritiene che questo sia Anthony van Leeuwenhoek, noto come l’inventore del microscopio. Potrebbe anche essere il cliente di questi dipinti accoppiati. Ma alcuni ricercatori ritengono che questo potrebbe essere un altro contemporaneo di Vermeer: ​​Johannes de Weert, un cartografo che viveva a Delft. Anthony van Leeuwenhoek e Jan Vermeer non potevano non conoscersi: Delft era troppo piccolo per due personaggi famosi, due coetanei battezzati nella stessa chiesa e quasi nello stesso giorno, per non chinarsi l’un l’altro per le strade della loro città natale.

Due meravigliosi olandesi potrebbero essere amici intimi.

L’artista e lo scienziato avevano chiaramente interessi comuni. Il ricercatore d’arte americano Vermeer Arthur Wheelock osservò che dopo il 1655, quando Anthony van Leeuwenhoek si interessò a lavorare con obiettivi, astronomia e navigazione, “tele e globi metodicamente riprodotti” apparvero sulla tela di Vermeer. E, a quanto pare, non è stato un caso che dopo la morte dell’artista olandese Jan Vermeer di Delft, sia stato nominato esecutore Anthony Van Leeuwenhoek.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)