Ritratto di re Filippo III – Diego Velasquez

Ritratto di re Filippo III   Diego Velasquez

Dipinto dell’artista spagnolo Diego Velázquez “Ritratto di re Filippo III”. Dimensione ritratto 305 x 320 cm, olio su tela. Il pittore Velazquez ha creato un ritratto postumo del defunto padre del monarca spagnolo vivente Filippo IV. Filippo III d’Asburgo, re di Spagna e Portogallo dal 1598, figlio di Filippo II d’Asburgo e della sua quarta moglie Anna d’Austria.

Già nell’adolescenza, la debolezza dell’Infante Philip e l’incapacità di governare lo stato divennero evidenti; molto più di Filippo III era interessato alle feste di caccia e di corte, che si combinava con una profonda religiosità.

L’era del re Filippo III fu un periodo di comprensione da parte delle migliori menti della nazione spagnola del passato e del presente del loro paese, il periodo dell’età d’oro della cultura spagnola, il tempo di Cervantes e Lope de Vega. All’inizio del XVII secolo, il declino economico della Spagna divenne una realtà indubbia.

Erano necessarie urgenti riforme socioeconomiche e politiche, ma il governo del favorito Filippo III del Duca di Lerma non fece praticamente nulla al riguardo. Allo stesso tempo, la burocrazia, la corruzione e l’appropriazione indebita hanno assunto una scala senza precedenti.

Pigro, ignorante e superstizioso, il re Filippo III si circondò di ministri incompetenti che pensavano solo al loro arricchimento a spese del tesoro e del popolo; il popolo divenne povero a causa della cattiva amministrazione e delle estorsioni da parte dei funzionari fiscali, e la corte reale fu sepolta nel folle lusso.

Nei Paesi Bassi nei primi anni del 17 ° secolo, il comandante spagnolo Ambrosio Spinola riuscì a ottenere importanti vittorie sugli olandesi, ma una fatale mancanza di denaro rovinò questi successi e costrinse gli spagnoli a concludere una tregua di dodici anni nel 1609, riconoscendo di fatto l’indipendenza delle province settentrionali dei Paesi Bassi che si erano separate dalla Spagna. Altrimenti, entro la fine del regno di Filippo III, la Spagna mantenne vasti possedimenti nel Vecchio e nel Nuovo Mondo e ambizioni imperiali. Tuttavia, la fondazione economica dell’impero spagnolo fu irreparabilmente distrutta.