Ritratto di Pushkin – Vasily Tropinin

Ritratto di Pushkin   Vasily Tropinin

Il ritratto di Pushkin, senza dubbio, appartiene a uno dei primi posti nell’iconografia del poeta e nelle opere di Tropinin. Alla fine del 1826, S. A. Sobolevsky, un caro amico di Pushkin, si rivolse a Tropinin con una proposta di scrivere un ritratto del poeta. “Sobolevsky era scontento dei ritratti levigati e pomazhezhennymi di Pushkin, che poi apparve, voleva salvare l’immagine del poeta, come è, come visitava più spesso, e chiese a Tropinin, uno dei migliori ritrattisti di Mosca, se non della Russia, di attirare Pushkin da lui una vestaglia, arruffata, con un anello caro al dito “, dice uno dei memoiristi contemporanei dalle parole dello stesso Tropinin. Quello, apparentemente, era il concetto originale del ritratto.

Il caso dell’artista era semplicemente quello di catturare l’immagine di Pushkin con tutta la possibile accuratezza e veridicità, senza chiedere i complessi compiti dell’analisi psicologica e della divulgazione dell’immagine interna. Nello schizzo, scritto direttamente dalla vita, Tropinin si avvicinò alla realizzazione dei desideri di Sobolevsky. Ha dato un’immagine senza pretese, ma senza dubbio, abbastanza accurata e simile di Pushkin – “nella sua vestaglia e arruffata”, come richiesto da Sobolevsky.

Ma nella stessa apparizione del poeta c’era qualcosa che lo distingueva dai normali moscoviti, i normali modelli di Tropinina, che la soluzione dell’immagine non poteva entrare nel già consolidato sistema familiare di Tropininsky.

Lavorando su un ritratto, Tropinin, in sostanza, molto lontano dalla sua intenzione originale. Ciò non significa, ovviamente, che si sia allontanato dalla vera riproduzione della natura. Non c’è dubbio che Pushkin posasse non solo per lo schizzo, ma anche per il ritratto, e la ricostruzione dell’immagine vivente del poeta rimase il compito principale di Tropinin.

Le somiglianze nel ritratto non sono meno che nello schizzo, ma la comprensione stessa dell’immagine è diventata diversa. Dall’idea originale sono rimasti solo gli attributi esterni di “domesticità”: una veste, un colletto sbottonato di una camicia, capelli spettinati, ma a tutti questi dettagli è stato dato un significato completamente nuovo: non sono percepiti come prova dell’intima facilità di chi posa. ma piuttosto, come segno del “disordine poetico” con cui l’arte romantica così spesso collegava l’idea di ispirazione.

Tropinin non scrisse “Il soldato di Pushkin”, come gli chiese Sobolevsky, ma come un poeta ispirato, cogliendo nel suo aspetto un’espressione di profondo significato interiore e tensione creativa. Pushkin è raffigurato seduto, in una posizione naturale e rilassata. La mano destra, su cui sono visibili due anelli, è posizionata su un tavolo con un libro aperto.

Oltre a questo libro, nel ritratto non ci sono accessori legati alla professione letteraria di Pushkin. È vestito con una spaziosa vestaglia domestica con polsini blu e il collo è legato con una lunga sciarpa blu. Lo sfondo e l’abbigliamento sono combinati con un tono marrone dorato generale, su cui il viso, evidenziato dal candore del risvolto della camicia, spicca maggiormente: il punto colorato più intenso nell’immagine è allo stesso tempo il suo centro compositivo.

L’artista non ha cercato di “abbellire” il viso di Pushkin e ammorbidire le anomalie dei suoi lineamenti; ma, in buona fede seguendo la natura, fu in grado di ricreare e catturare la sua alta spiritualità. I contemporanei hanno riconosciuto all’unanimità nel ritratto di Tropinin una somiglianza immacolata con Pushkin. È vero, uno dei critici ha notato che l’artista non è riuscito a trasmettere il rapido sguardo del poeta. Ma questo rimprovero non è giusto: è proprio nella visione di Pushkin, intenso e fisso, che il contenuto della caratteristica del ritratto è espresso con la massima forza.

Una vera ispirazione brilla negli ampi occhi blu del poeta. In accordo con il piano romantico Tropinin ha cercato di dare al suo look l’espressione che ha preso nei momenti di creatività. In confronto al noto ritratto di Pushkin, il lavoro del ritratto Tropininsky di Kiprensky sembra più modesto e, forse, intimo, ma non inferiore a lui né nell’espressività né nel potere pittorico.