Ritratto di L. K. Makovskaya – Vasily Tropinin

Ritratto di L. K. Makovskaya   Vasily Tropinin

Makovskaya Lyubov Kornilovna – nata Mollengauer, moglie di Egor Ivanovich Makovsky, amico di Tropinin, uno dei fondatori della classe di disegno, successivamente trasformata nella Scuola di pittura e scultura di Mosca. Artisti madri Konstantin, Nicholas, Vladimir e Alexandra Makovsky. Quando nel 1823 Tropinin si liberò dal servo e ricevette il titolo di accademico, si rifiutò di trasferirsi a Pietroburgo.

Considerava una cinghia burocratica non meglio della schiavitù di un servo. Mosca è sempre rimasta una città della sua amata e cara a lui. La semplice, ospitale, grande casa familiare del Makovsky era ben nota alla Mosca culturale. Egor Ivanovich, il capo della famiglia, si guadagnò da vivere con il servizio burocratico. Ma nella storia, è rimasto come uno dei fondatori della Art Class, che in seguito divenne la Scuola di pittura, scultura e architettura di Mosca.

La sua vera passione era l’arte. E l’intera famiglia Makovsky non è stata offesa dai talenti. Tre figli e la figlia Egor Ivanovich sono diventati artisti.

Konstantin e Vladimir hanno raggiunto la vera gloria. La loro madre, Lyubov Kornilovna, fu una delle prime bellezze di Mosca. Aveva un meraviglioso soprano, si esibiva in concerti, teneva lezioni.

Quando il conservatorio aprì, Nikolai Rubinstein la invitò come insegnante di canto. Karl Brullov la vide esattamente così: elegante, spettacolare: fu conservato un disegno per un ritratto incompiuto. Anche il lavoro di Tropinin fu eseguito a metà degli anni 1830. Ma Tropinin ha mostrato Love Kornilovna in modo diverso.

Questo tipo di immagine di ritratto, che è stata gradualmente formata da Tropinin, è stato in seguito chiamato “ritratto in vestaglia e pantofole”.

Questo ritratto è stato scritto, molto probabilmente, su richiesta di Yegor Ivanovich, che voleva vedere sua moglie mentre era a casa. Capelli pettinati in modo uniforme, vestiti per la casa, apertura del viso – come vividamente espresso in questo ritratto l’ideale femminile dell’artista.

Ora l’artista appare in tutta la maturità del talento, in tutto il fascino dell’abilità pittorica. Voglio guardare a lungo il ritratto, osservando le sottili transizioni di colore, notando con quale abilità artistica sono scritte le pieghe del peignoir, il tessuto leggero di una sciarpa di pizzo, i motivi di un colletto di pizzo. E ogni volta che senti il ​​calore speciale dell’immagine creata quasi centosettanta anni fa.