Ritratto dello scrittore, massone Alexander F. Labzin in un caftano blu – Vladimir Borovikovsky

Ritratto dello scrittore, massone Alexander F. Labzin in un caftano blu   Vladimir Borovikovsky

Labzin Alexander Fedorovich, poeta, editore, traduttore, consigliere di stato.

Dei nobili. Nel 1776 fu collocato in una nobile palestra dell’Università di Mosca, nel 1778 fu trasferito all’università e nel 1780 si laureò come studente.

Ha collaborato alla “Dawn Dawn” N. I. Novikov, ha attirato l’attenzione del professore universitario IG Schwartz; ha partecipato alle lezioni frontali di Schwarz sulla filosofia della storia. Dopo essersi laureato all’università, è diventato traduttore alla conferenza del governo provinciale di Mosca, dal 1787, traduttore all’Università di Mosca.

Trasportate traduzioni letterarie. Fu ammesso alla Società dei Martinisti di Mosca. Nel 1789 fu trasferito dal censore di periodici stranieri alla spedizione segreta dell’ufficio postale di San Pietroburgo.

Su istruzioni dell’imperatore Paolo I, insieme ad A. A. Vakhrushev, compilò la Storia dell’Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, per la quale ricevette il titolo di storico dell’Ordine di Malta.

Nel 1799, con il grado di consigliere di stato, fu trasferito al College of Foreign Affairs. Successivamente è stato nominato segretario della conferenza dell’Accademia delle arti. Nel 1804 fu nominato direttore del Dipartimento delle forze navali come consigliere di stato e nel 1805 fu nominato membro del dipartimento dell’Ammiragliato.

Rimanendo allo stesso tempo segretario dell’Accademia, ha pubblicato molti libri di contenuto mistico. Nel 1800 fondò la scatola “La Sfinge Morente”.

Nel tentativo di compiere la missione di illuminazione spirituale-massonica, Labzin tradusse molti scrittori mistici. Il successo di questi lavori lo ha spinto a intraprendere la pubblicazione della rivista cristiana Zion Bulletin. Tuttavia, su proposta del principe A. N. Golitsyn, a settembre la rivista fu bandita dall’imperatore.

Nei suoi articoli, Labzin era scettico sul lato rituale dell’ortodossia. Nel dicembre 1812, Lubzin si unì alla Bible Society creata secondo l’idea di Golitsyn, e divenne presto il suo direttore. Il patrocinio di Alessandro I aiutò Labzin nel 1816 a rinnovare la rivista Zion Bulletin.

Opere letterarie e numerose lettere Labzina ebbe una grande risonanza nella società. Nel 1822, per una proposta beffarda di eleggere le persone “ancora più vicine al sovrano” di A. A. Arakcheev e V. P. Kochubei,

Nel 1794 sposò la vedova Anna Evdokimovna Karamysheva, nata Yakovleva, una studentessa del MM Kheraskov. Senza avere i propri figli, i Labzin allevarono due orfani: la loro nipote, E. S. Mikulin e S. A. Mudrov.