Marte – Diego Velasquez

Marte   Diego Velasquez

Gli antichi romani veneravano il dio della guerra Marte, aiutava i romani a vincere vittorie, davano prosperità e prosperità, così a Roma, insieme al dio Giove, era molto apprezzato, venerato in ogni modo, dedicato un mese speciale nel calendario annuale – marzo. Questo primo mese di primavera, gli antichi romani consideravano il più favorevole allo scoppio delle ostilità.

I romani consideravano Marte il padre di Romolo e Remo. Marte, quindi, era considerato l’antenato della città, il suo custode, in suo onore venivano fatti sacrifici, e il Campo di Marte apparve vicino a Roma, dove fu eretto anche un tempio sacro in suo onore. Secondo le credenze di quel tempo, al fine di non esporre la città al pericolo, all’esercito romano armato era vietato entrare nei limiti della città.

I servitori del santuario del dio Marte erano sacerdoti, chiamati salia, ce n’erano 12. Furono tutti eletti da nobili famiglie patrizie. Secondo la leggenda, il secondo re di Roma, Num Pompilio, il 1 marzo uno scudo cadde nelle mani del cielo. Questo è considerato un segno degli dei. Lo scudo divenne la garanzia dell’invincibilità dell’esercito romano.

Secondo il suo modello, furono creati altri 11 scudi, che furono chiamati sacri e consegnati ai saliahs.

Prima dell’inizio della campagna, i comandanti arrivarono al tempio di Marte, adorarono gli scudi sacri. Quando arrivò l’autunno e cessarono le ostilità, gli scudi sacri furono rimossi e solo il 1 marzo furono rimessi fuori. In questo giorno, la salia in armatura militare guidò una solenne processione.

Si trasferì a Roma e si fermò alla porta del santuario di Marte.