La Vergine e il bambino – Orest Kiprensky

La Vergine e il bambino   Orest Kiprensky

Al tempo di Kiprensky, si presumeva che i pittori che avevano ricevuto una seria educazione accademica fossero attratti dalla pittura religiosa. Ciò sembra essere facilitato dall’allineamento dei vecchi maestri, che per molti aspetti hanno realizzato il loro genio proprio nel campo dell’arte religiosa.

Kiprensky non respinse mai “l’allineamento” con i vecchi maestri, facendo copie delle loro opere, come dimostra la “Madre di Dio con il bambino” presentata sopra, che ci ricorda il Correggio. Ma lui stesso evitò le trame religiose proprie: l’artista era molto più interessato a scrivere persone viventi.

Quando il presidente dell’Accademia delle Arti, A. S. Stroganov, che aiutò sempre il giovane Kiprensky, nel 1806, attirò l’artista elencato all’Accademia al dipinto della Cattedrale di Kazan, reagì a un incarico responsabile e benefico senza entusiasmo. Dei sette dipinti che gli furono ordinati: “Gesù Cristo tra gli Apostoli dopo la risurrezione”, “Pregare per la coppa”, “Assicurare Tommaso”, “Mirra-Portatori che vanno al sepolcro”, “La risurrezione di Cristo”, “Gesù nella città elicottero con Maria Maddalena”, ” Apostolo Mark “- ha scritto solo gli ultimi due.