La narrazione del Santo Apostolo Pietro dalla prigione – Rafael Santi

La narrazione del Santo Apostolo Pietro dalla prigione   Rafael Santi

L’affresco “La rimozione del Santo Apostolo Pietro dalla prigione” è diviso da colonne scure in 3 parti. Una tecnica in cui diversi episodi della trama sono rappresentati nello spazio di una singola immagine è chiamata rappresentazione continua nella pittura. Al centro: una scena nel sotterraneo. L’angelo splendente tocca l’apostolo addormentato, incatenato a due guardie che si sono addormentate al loro posto.

Un sogno meraviglioso li sopraffece in posizione eretta, sebbene la punizione per la sentinella che si era addormentata fosse la morte. Nulla può risvegliarli, né la radiosa radiazione emanata dall’Angelo, né il rombo delle catene che cadono sul pavimento di pietra, né i gradini dei prigionieri liberati.

Il lato sinistro dell’affresco raffigura una scena sui gradini della prigione: le guardie che sorvegliano le porte della prigione, induriti soldati romani, corrono nel panico dalla luce soprannaturale. E sebbene il comandante stia cercando di fermarli, chiedere l’ordine e l’adempimento del dovere, minaccia di inevitabilmente terribile punizione, l’orrore li allontana da questo luogo terribile, la disciplina militare di ferro, il dovere verso l’impero sono dimenticati…

A destra, nella direzione opposta rispetto ai soldati romani, Angel conduce con cura San Pietro dalla prigione, oltre le guardie che dormono sui gradini. L’apostolo Pietro si chiede come in un sogno segua la Guida celeste e non riesca a capire – se questo è un sogno, un sogno, una visione. Seguendo la tradizione del primo Rinascimento, come nei dipinti di Botticelli, Raffaello ritrae l’Angelo come un giovane, bellissimo giovane, in abiti larghi, con lunghi capelli biondi ondulati. Da tutta la figura il Messaggero respira forza e potenza. La figura muscolare armoniosamente sviluppata dell’Angelo in un alone infuocato spicca tra gli altri personaggi dell’affresco: soldati, prigionieri.

La lucentezza è esaltata dal contrasto con le barre grattugiate nere ruvide.

Nell’affresco “La rimozione dell’apostolo Pietro dal sotterraneo” – il trionfo della luce sull’oscurità potrebbe essere percepito come la speranza di liberazione dai “barbari”.

Nel cielo, raffigurato nell’angolo sinistro della foto, Raffaello disegna nuvole che coprono parzialmente la luna. Fu una delle prime immagini realistiche del paesaggio notturno nella pittura italiana.

Sulla sinistra c’è un ufficiale con una torcia, che batte il soldato addormentato, che è stato assegnato a guardia del sotterraneo. I riflessi di fuoco sulle parti metalliche dell’arma vengono perfettamente trasferiti.

La storia della liberazione dell’apostolo Pietro dalla prigione era anche molto adatta a papa Giulia, poiché il papa era particolarmente affezionato all’affetto per San Pietro in Vincoli, la chiesa romana, che custodiva le catene in cui era incatenato l’apostolo Pietro. la prigione. Nella stessa chiesa, 30 anni dopo la morte di papa Giulio II, fu eretta la sua tomba, creata da Michelangelo.

La storia della liberazione miracolosa dell’apostolo Pietro dalla prigione di un angelo è descritta in dettaglio negli “Atti degli Apostoli”.