Il ragno della sera promette speranza – Salvador Dali

Il ragno della sera promette speranza   Salvador Dali

La pianura apocalittica, lo sfondo caratteristico di molti dipinti di Salvador Dalì, è piena di una moltitudine di oggetti, ognuno dei quali è pieno del suo significato, e le combinazioni di questi elementi aprono nuove possibilità per l’interpretazione delle immagini.

Nella parte sinistra dell’immagine, lo spettatore vede la bocca di un cannone, da cui una fusione bianca e fondente si riversa sul terreno e un cavallo con la testa di un teschio ghignante si precipita nel cielo. La canna della pistola sostiene le stampelle stampelle. La massa bianca, che raggiunge il suolo, è fatta roteare da un imbuto da tornado, e in essa sono indovinati i contorni della dea della vittoria Nike, ma con una sola ala.

Il resto della fusione si diffuse sulla terra con petali fantasiosi, in cui, se lo si desidera, è possibile vedere i contorni del velivolo biplano. All’orizzonte si possono vedere due figure umane illuminate dal sole, vaghe e tracciate in modo abbastanza schematico. Sul lato destro della tela, un albero inaridito cresce da un bordo circondato da fiori.

La figura di un musicista pende dai suoi rami: amorfa, deformata.

Nelle mani del suo violoncello, anche morbido, come se fosse cera, gonfiato da un forte calore. Il musicista ha un seno femminile. Due serbatoi di inchiostro vengono premuti nel suo corpo dall’alto. Le formiche strisciano sui loro volti e un grosso ragno-fieno è seduto sulla sua guancia.

Nell’angolo in basso a sinistra della foto, un angelo con minuscole ali rudimentali punta un dito sulla figura del violoncellista, coprendosi gli occhi con l’altra mano, come se si vergognasse o inorridisse.

Inizialmente, l’immagine era chiamata “Violoncello morbido, Spider e il grande masturbatore”, ma in seguito fu ribattezzata dall’autore in “Evening Spider Hopeful”. Questo nome porta un accenno di credenza francese. Dice che il ragno visto di sera anticipa una giornata propizia.

Il dipinto risale al 1939-1940 e tutte queste immagini inquietanti in un modo o nell’altro contengono riferimenti agli eventi della seconda guerra mondiale.

Quindi, il cavallo, fuggendo dalla bocca del fucile, può essere identificato con il cavaliere dell’Apocalisse. Nika con una sola ala, cupido quasi senza ali, che nasconde il viso – tutto ciò indica l’aspettativa di futuri disastri. Il ragno illuminato dal sole promette un risultato felice, ma l’atmosfera generale del dipinto trasmette l’atmosfera di quel tempo: fluttuazioni dalla disperazione alla speranza.