Giovane donna dietro la toilette – Giovanni Bellini

Giovane donna dietro la toilette   Giovanni Bellini

Bellini Giovanni – il più giovane e famoso rappresentante della pittoresca dinastia di Bellini, che lavorò nell’era del primo Rinascimento veneziano. Il suo merito è considerato la divulgazione della tecnica della pittura ad olio sviluppata da suo padre e suo fratello.

Giovanni non aveva un talento meno pittoresco del suo fratellastro, Gentile Bellini. Mentre Gentile, invitato dal sultano turco, fu assente a Venezia per 2 anni, Giovanni divenne il pittore ufficiale di corte. Numerosi ordini di ritratti dai cittadini più nobili arrivarono continuamente da lui, i marchesi e i duchi volevano essere catturati da un grande artista.

Tuttavia, i ritratti erano piuttosto la parte “corte” dell’opera di Bellini, ma il fulcro della sua opera erano scene bibliche, in particolare immagini della Vergine Maria.

Nella foto “Giovane donna dietro la toilette” vediamo una bellissima donna nuda. L’immagine è stata scritta quasi perfetta, priva di difetti, che, in combinazione con il magnifico paesaggio pacificante che costituisce lo sfondo della composizione, ricorda i dipinti dello stesso Bellini, raffigurante la Madre di Dio. Tuttavia, durante la creazione di questo quadro, il pittore si ritirò dalla religiosità, catturando un certo standard di bellezza femminile, riconosciuto nell’alta società.

Per tutta la vita, Bellini fu circondato da pittori di talento, tra cui suo padre Jacopo Bellini, il fratellastro Gentile Bellini, il genero Andrea Mantegna. Tutti e tre hanno avuto una grande influenza sul modo di scrivere dell’artista, ma il dipinto di Giovanni si distingue principalmente per incomparabilmente più dolcezza e lirismo, immaginazione e romanticismo. Essendo già riconosciuto come un maestro, Bellini ha aperto il suo studio. I suoi studenti erano Tiziano e Giorgione. Secondo l’usanza del tempo, l’artista ha spesso firmato le opere del laboratorio con il suo nome.

Allo stato attuale, gli storici dell’arte ritengono che i quadri dipinti dallo stesso Bellini siano incomparabilmente migliori, ma a quel tempo qualsiasi lavoro del laboratorio era considerato il lavoro dell’artista stesso.