Festa di Belshazzar – Rembrandt Harmens Van Rhine

Festa di Belshazzar   Rembrandt Harmens Van Rhine

Dipinto del pittore olandese Rembrandt van Rijn “La festa di Valtasar”. La dimensione del dipinto è di 168 x 209 cm, olio su tela. Nei testi biblici Valtasar fu l’ultimo re babilonese, la caduta di Babilonia è associata al suo nome. Nonostante l’assedio della capitale, intrapreso da Ciro, il re e tutti gli abitanti, avendo una ricca scorta di cibo, potevano concedersi i piaceri della vita.

In occasione di una festività minore, Valtasar fece una magnifica festa, alla quale furono invitati fino a mille nobili e cortigiani.

Tra l’altro, navi preziose, selezionate dai conquistatori babilonesi di varie nazioni conquistate, e costose navi del tempio di Gerusalemme, servivano da scodelle. Allo stesso tempo, secondo l’usanza degli antichi pagani, gli dei babilonesi furono glorificati, che si dimostrarono vittoriosi in precedenza e quindi saranno vittoriosi e ora, nonostante tutti gli sforzi di Ciro e dei suoi alleati segreti, gli ebrei, con il loro Geova. Ma ora, nel mezzo di una festa, una mano umana apparve sul muro e cominciò lentamente a scrivere alcune parole.

Quando la vide, “il re cambiò volto, i suoi pensieri erano confusi, i legami dei suoi lombi si indebolirono e le sue ginocchia, inorridite, iniziarono a battere l’un l’altro”.

I saggi chiamati non riuscirono a leggere e spiegare l’iscrizione. Quindi, su consiglio della regina, chiamarono l’anziano profeta Daniele, che più di una volta, al tempo di Nabucodonosor, mostrò una straordinaria saggezza, e in realtà lesse l’iscrizione, che brevemente lesse in aramaico: “Mene, tekel, upars”. Ciò significava: “Mene – Dio ha numerato il tuo regno e ne ha posto fine; Tekel – sei pesato e trovato molto facile; Uparsin – il tuo regno è diviso e donato ai Medi e ai Persiani”. “Quella stessa notte”, continua la narrazione biblica, “Belshazzar, re di Caldea, fu ucciso.” Creatività Rembrandt ad Amsterdam acquisisce un contenuto universale in continua espansione.

Riceve un gran numero di ordini per vari generi di pittura.

Come pittore storico, Rembrandt lavora tra il 1632 e il 1639 per lo staff del Principe Federico Hendrick in un ciclo di cinque immagini della Passione. Nel primo lavoro di questo ciclo, lo sgargiante pathos baro-cattolico di Rubens è chiaramente in contrasto con l’incessante nudo realismo di Rembrandt, come nell’incisione “Misericordioso samaritano”. L’incondizionamento si oppone sempre alla cortesia del buon gusto, e nel giovane Rembrandt van Rijn, lui, scioccato dalle contraddizioni che circondano la sua realtà borghese, dalle contraddizioni del mondo definito dalle lotte di potere e dal mutevole successo militare, cerca di esprimere la realtà vivente a immagine del leggendario passato senza pregiudizi e figurativamente.