Due ballerini – Edgar Degas

Due ballerini   Edgar Degas

Nella seconda metà del 1890, Degas ha lavorato molto sull’immagine dei ballerini poco prima di salire sul palco. Di solito in questo momento stanno correggendo qualcosa: un cinturino, un orecchino. acconciatura – un gesto in cui l’artista ha registrato accuratamente l’eccitazione “pre-lancio”. La vita dietro le quinte, un fugace episodio dietro le quinte ha già attratto Degas più della brillantezza della scena.

Negli anni successivi, motivi come lo spettacolo di una prima persero completamente ogni appello per lui. Ritrae le ballerine più che mai, ma le sue trame non contengono nulla di deliberatamente spettacolare, come accadeva prima, quando Degas poteva scrivere una “stella” inchinata con un mazzo di fiori o il suo arabesque. Ma le stesse situazioni senza pretese sono infinitamente varie; i ballerini “arrossiranno” sul palco, e questa trama è ancora meno significativa delle prove; la stessa prestazione non gli fa desiderare di riprendere il pennello o i gessetti pastello.

Una delle migliori composizioni della fine del 1890, che rappresenta i ballerini dietro le quinte, “Blue Dancers” con tre figure.

Più o meno nello stesso periodo Degas ha lavorato al grande film “I quattro ballerini”. Entrambe le composizioni hanno una notevole quantità di variazioni. In questo caso, è necessario menzionare tali pastelli con quattro figure, come “Ballerini”, in cui la figura ha esattamente la stessa angolazione di “Due ballerini”, una ballerina che si corregge i capelli.

Le variazioni hanno obiettivi diversi.

Non cambia solo il numero di figure, ma anche la tecnica, il colore e il motivo. Ogni volta ci sono nuove linee di composizione. Art Degas notevolmente formalizzato. La trama è necessaria solo in quanto consente di riprodurre la prossima sinfonia di colori e i colori stessi diventano più attivi, più luminosi.

Degas è spesso gestito con due personaggi. Era un paio di due ballerini, uno dei quali raddrizza l’orecchino e l’altro – i capelli. La banalità del motivo, che viene anche costantemente interpretata, diventa una garanzia di assoluta concentrazione su colore e forma. I movimenti dei personaggi non si ripetono esattamente.

Variano, ma ogni volta obbediscono all’immutabilità della struttura compositiva. Costruzione di “Due ballerini” da sobr. Krebs è sia stabile che dinamico.

Il principio della piramide, la forma dotata della massima stabilità, è qui usato in modo molto sofisticato. La forma a piramide nella parte inferiore è formata dalle gonne dei ballerini. Nella parte superiore – un’altra piramide, una mano sollevata o abbassata, insieme alla testa, ne dà il contorno.

Entrambe le parti sono collegate da una piramide invertita. Questo pastello, sconosciuto a Lemoine, è stato preceduto, con ogni probabilità, da numerose composizioni vicine. Lemoine li riferì al 1897.

Il primo si distingue per la sua maggiore spazialità. Le cifre sono fornite in generazioni, lo sfondo è più grande.

Gli ultimi “Ballerini che correggono i capelli” hanno sistematicamente tagliato e risolto allo stesso modo di “Due ballerini” dell’assemblea. Krebs, ma uno specchio in relazione a lei. The Two Dancers è una cosa stilisticamente vicina alle opere del 1898-1899, in particolare ai pastelli dell’Ermitage di The Dancer, in cui appare una donna con la mano alzata.

Separatamente, è riprodotto nel “Busto del ballerino e nell’educazione della mano”. Nel lavoro sul pastello, Degas poteva usare le fotografie. In ogni caso, la figura giusta ricorda il “Corps de Ballet Dancer”, una fotografia conservata nella Biblioteca Nazionale di Parigi.

Il negativo fu trasmesso lì dopo la morte dell’artista da suo fratello René tra i vari materiali appartenenti a Degas. C’è motivo di ritenere che l’immagine sia stata riempita dallo stesso Degas, che in quegli anni era appassionato di fotografia.