Contemplazione dell’Arpa – Salvador Dali

Contemplazione dellArpa   Salvador Dali

I tre raffigurati nella foto – questa è senza dubbio una famiglia. Un uomo, una donna e un bambino in piedi contro una nuvola d’oro. Il cloud è enorme ed espressivo. Uno dei suoi bordi fa roteare una nuvola temporalesca scura, l’altro è illuminato da un sole splendente.

La nuvola è il quarto personaggio nella foto. L’intera tela è inondata e inondata di luce dorata. La combinazione di colori è una combinazione preferita di Dali, blu e oro.

Le persone nella foto sono un gruppo ristretto. Ma questo gruppo è eterogeneo, come terra, inferno e paradiso. I cieli qui sono rappresentati da una figura femminile. La donna è nuda La sua forma sembra un po ‘ipertrofica, ma è certamente bella.

C’è qualcosa di angelico in lei: riccioli d’oro, pelle radiosa. L’inizio terreno qui è un uomo. È vestito: indossa un completo, stivali, tiene in mano un cappello.

Se una donna è raffigurata in modo realistico, allora l’uomo sembra essere un monumento a se stesso, scavato nella pietra chiara o modellato dalla sabbia bagnata. E infine, il loro bambino. Creazione infernalmente deformata, degna di prendere il posto d’onore nella kunstkamera.

Un piede è deformato, il gomito del braccio piegato continua con una bizzarra crescita, sotto la quale viene sostituito un supporto. Tale stampella è un dettaglio tipico per i dipinti di Dalì, appare su molte delle sue tele.

La testa del bambino ha la forma di un melone. Indossa abiti scuri con una toppa sulla schiena. I volti di tutti e tre sono nascosti allo spettatore, ma le figure sono piene di espressione. La donna appoggiò la testa contro la spalla dell’uomo, stringendolo al collo.

L’uomo chinò la testa. Questa coppia sembra la personificazione del dolore. La mano di una donna poggia sulla brutta testa di un bambino.

In lontananza, all’orizzonte, puoi vedere piccoli edifici e alberi. Questa foto è un altro tentativo dell’artista di tagliare un nodo doloroso in cui le relazioni all’interno della sua famiglia sono state messe insieme. La morte prematura della madre, i litigi con il padre, il malinteso reciproco. Sta cercando il suo posto nella scena dei genitori e dei figli e si ritrova nella forma di un mostro fantasmagorico. Eppure è impossibile non chiedersi: cosa c’entra l’arpa?

L’unico accenno di un’arpa è un contorno angolare formato dai piedi di un bambino. E sul suo brutto piede giacciono, continuando a terra, o crepe o corde rotte.

Dalì scrisse questa immagine dal 1932 al 1934. Negli anni Trenta, l’arpa divenne il filo conduttore di molte sue tele. Arpa invisibile, arpa cranica, contemplazione dell’arpa.

Arpa con corde di filo spinato, presentata dall’artista all’attore americano Harpo Marx.

L’arpa è uno strumento musicale, un attributo d’arte. E allo stesso tempo, è una cornice, cornice, cornice per le corde, che dà origine all’arte stessa. Forma solida stabile, inquadratura e limitazione della sostanza volatile inafferrabile, musica.

Non sorprende che questa immagine occupasse un posto simile nelle fantasie dell’artista.