Collezione Mosè e Manna – Guido Reni

Collezione Mosè e Manna   Guido Reni

Dipinto del pittore bolognese Guido Reni “Mosè e la collezione di manna dal cielo”. La dimensione del dipinto è di 280 x 170 cm, olio su tela. La manna biblica è considerata un tipo speciale di sostanza che gli ebrei hanno mangiato nel deserto al momento dell’esodo dall’Egitto.

Quando, mentre vagavano, iniziarono a provare fame, emisero un mormorio contro Mosè.

La mattina dopo, il deserto si rivelò disseminato di una sorta di sostanza granulare bianca, che era dolce nel gusto e nutriente. Questa era la manna che Mosè ordinò di farne e farne delle torte. Da quel momento, la manna è diventata una fonte costante di cibo per il popolo, fino al suo ingresso in Palestina.

In alcune parti della penisola del Sinai, e fino ad ora c’è una sostanza che è simile nelle sue proprietà alla manna biblica, e persino ora chiamata dagli arabi della locale manna Essema – “manna celeste”. È una sostanza biancastra e resinosa con un odore fragrante e che filtra dai tronchi di un arbusto di tamerice. Tamarisk cresce nella metà occidentale della penisola del Sinai, nell’Arabia rocciosa e nella regione giordana.

In realtà, nella penisola del Sinai il deflusso di questa sostanza resinosa avviene solo a maggio e giugno, dopo le piogge invernali. Ha il sapore del miele e trasuda dal cespuglio, come la colla o la resina di un ciliegio. Quando cade a terra, la manna prende in sé vari altri elementi, quindi il suo utilizzo richiede alcuni adattamenti.

Gli arabi lo fanno bollire in una pentola, poi lo passano attraverso la tela per purificarlo dalle impurità e poi lo versano in scatole, in cui può durare per diversi anni. I beduini e monaci greci locali lo mangiano con il pane come condimento, ma non sostituisce mai il pane.

Tale manna tamarisco assomiglia molto alla manna che alimentava gli ebrei come il pane: non è nutriente e sarebbe completamente insufficiente per un popolo di oltre due milioni di anime, che richiederebbe fino a mezzo milione di sterline a settimana, mentre negli anni buoni non vengono raccolti più di 420-500 kg all’anno. Secondo una descrizione biblica più dettagliata, “la manna era simile al seme di coriandolo, bianca, il sapore è simile a una focaccia con miele”. Nel tempo, questo cibo monotono alimentava gli ebrei, quindi brontolarono e chiamarono la manna “cibo senza valore”, o, più precisamente, “troppo leggero”; ma non hanno sofferto la fame e, in ogni caso, non sono morti di fame, come sarebbe inevitabile quando si nutrono di manna di tamerice, che non contiene azoto.