Che cos’è la verità? Christ and Pilat – Nikolai Ge

Che cosè la verità? Christ and Pilat   Nikolai Ge

Nel 1860, Nikolai Nikolayevich Ge iniziò a dedicarsi ad argomenti religiosi, continuando così la tradizione che si era sviluppata nell’opera di A. A. Ivanov.

Nella fattoria di Ivanovskoye nella provincia di Chernigov, Ge visse fino alla sua morte. Qui ha riflettuto sugli ultimi giorni di Cristo e ha iniziato a creare il ciclo evangelico di opere.

Negli anni 1860-1880, la società russa si occupava di questioni relative alla moralità, al bene e al male, all’imperfezione della natura umana, alle varianti della rinascita umana in questo mondo. Tutto ciò è stato espresso in letteratura e pittura. Ge ha posto queste domande nel suo ciclo evangelico in modo così acuto che i suoi dipinti hanno causato un totale rifiuto o delizia di alcuni intenditori della pittura.

I suoi dipinti non potevano essere esposti in collezioni private e mostre.

La società ha prima sconvolto l’immagine di Cristo. In Ge non è un Dio-uomo, ma una persona comune con tutte le aspirazioni contraddittorie dell’anima.

Nell’opera “Cos’è la verità?”, Ge nel titolo stesso indica la domanda principale dell’era. La composizione si basa sull’opposizione di due visioni del mondo opposte. Pilato, passando per Cristo, non intende portare avanti una lunga disputa, poiché la decisione è già stata presa.

Pilato è posto in primo piano in uno spazio illuminato dal sole. L’artista lo raffigura da dietro, grazie alle pieghe dei suoi abiti, la figura ricorda una colonna antica.

Cristo, al contrario, è raffigurato nell’ombra. Sembra essere messo alle strette, ma la sua espressione parla della sua disponibilità a resistere al male. Cristo è lontano dall’umiltà e crede nella sua verità.

Ma la sua verità per Pilato è nell’oscurità, dove non la vede. Il procuratore alzò la mano in un gesto interrogativo, che sembrava dividere lo spazio tra i due eroi.

Lo scopo dell’artista era quello di creare un’opera tale che sia in grado di suscitare l’anima a pensare e farti pensare ai problemi dell’essere.