Cane aria o cantante con guanto – Edgar Degas

Cane aria o cantante con guanto   Edgar Degas

“La testimonianza più accurata dei caffè appartiene al pennello di un aristocratico e il cacciatore degli eleganti saloni del Parco Monceau Edgar Degas, che era avanti di Tolosa-Lautrec per un decennio.

Durante l’ultimo terzo del XIX secolo, prima dell’avvento del cinema, i Kafeshantan rimasero il luogo di vacanza preferito dai parigini. Queste istituzioni erano molto diverse e si incontravano ovunque, come ai nostri giorni nelle sale cinematografiche: a Montmartre, al Boulevard di Strasburgo, sugli Champs Elysées e nei sobborghi.

I più attraenti erano, ovviamente, quelli che si aprivano in estate, all’aria aperta, in giardini illuminati con palloncini a gas bianchi. Degas, a cui non piaceva lo spazio aperto, preferiva l’illuminazione artificiale, le luci a gas lo aiutarono a trovare nuove soluzioni. Disse ai suoi amici impressionisti: “Hai bisogno di una vita naturale, ho bisogno di una vita artificiale”. Tuttavia, scene della vita dei Kafeshantan sulle sue tele rispondevano al compito principale fissato dagli impressionisti di fronte a lui – per riflettere la modernità.

La democrazia e persino una certa volgarità dei Kafeshantan lo hanno attratto. Un’atmosfera simile divertiva e intratteneva Degas. C’erano alcune personalità straordinarie: ventriloquo, eccentrici, patriottici, donne contadine, donne sentimentali, epilettici… Esistono ancora tipi di questo tipo e, se ci pensate,

Degas non aveva preferenze; frequentò con entusiasmo sia gli eleganti stabilimenti degli Champs Elysees, La Scala, il Ba-Ta-Clan, Elise-Montmartre, sia le dubbie taverne di Belleville e La Villette, dove era attratto da sagome insolite. Tra le celebrità che aveva preferito, come Mademoiselle Beck, – Degas ha catturato il suo concerto nel caffè “Ambassador” – o Eugenie Buffe, dalle cui canzoni populiste-anarchiche i suoi capelli erano dritti, mentre l’accampamento era incredibile. Teresa è rimasta la preferita di Degas, ha fatto un tuffo, cantando le canzoni delle guardie con la sua voce forte: “Ho ucciso il capitano”, “La moglie del tassista”, “Sono una donna interessante” e “Marsigliese”, che ha provocato una tempesta di applausi durante l’era del dilagante sciovinismo.

Degas è stato felice di scrivere ad un amico dopo il concerto di Teresa: “Apre la bocca, e dalla gola una voce si precipita nel più duro, più delicato, più gentile. E l’anima della cantante e il suo gusto, dove altro puoi trovare qualcosa del genere? Questo è solo un miracolo! “

La passione ha portato i suoi frutti, Degas è apparso eccellenti tele: “Cantico di un cane”, “Cantante con un guanto”, “Cafeshantan” … Solo in un caffè non è andato una volta – è “Tabaren”, che era proprio di fronte alla sua casa. Sì, la persona più sorprendente era questo signor Degas, che chiaramente non voleva che i vicini lo vedessero entrare nella dubbia istituzione. A proposito, raramente era amico dei cantanti dei Kafeshantan, ma con i ballerini dell’Opera era molto vicino.

Probabilmente i cantanti erano troppo volgari per lui. Tuttavia, era così intriso della vita dei kafeshant che poteva giudicare con competenza il talento dei cantanti. La sua opinione è sempre stata autorevole. “