Artemis – Rembrandt Harmens Van Rhine

Artemis   Rembrandt Harmens Van Rhine

Artemide è la figlia di Zeus e Leto, sorella di Apollo. Originariamente venerato come la dea del mondo animale e vegetale. È la “padrona delle bestie”, Tavropol, Limnatis, un orso. Più tardi – la dea della caccia, montagne e foreste, patrona delle donne in travaglio.

Artemide implorò l’eterna verginità per se stessa da Zeus.

Sessanta Okeanid e venti ninfe erano le sue costanti compagne di caccia, partecipanti ai suoi giochi e balli. La sua funzione principale è la conservazione di costumi consolidati, sacrifici agli dei, per violazione di cui punisce crudelmente: manda un terribile cinghiale nel regno calidoniano e serpenti mortali al letto matrimoniale del re Admet. Protegge anche il mondo animale, chiedendo la risposta di Ercole, che ha ucciso la daina di Keriniysky con le corna d’oro, e chiede in cambio il sacro cervo ucciso da Agamennone, il suo sanguinoso sacrificio – sua figlia Ifigenia.

Artemide – difensore della castità. Lei patrocina Ippolito, che disprezza l’amore, trasforma Acteon, che per caso vide una dea nuda, in un cervo, strappato dai suoi stessi cani, e una ninfa Calypso, che spezzò il suo voto, in un orso. È decisa, non tollera la rivalità, usa le sue frecce ben mirate come strumento di punizione. Artemide, insieme ad Apollo, sterminò i figli di Nioby, che fu gonfiato davanti alla madre degli dei Leto con i suoi sette figli e sette figlie; la sua freccia colpì Orione, che osò competere con la dea.

Come dea della vegetazione, Artemide è associata alla fertilità.

Questo culto si diffuse soprattutto in Efeso, dove il tempio di Artemide di Efeso, bruciato da Gerostrato, fu eretto in suo onore. Artemide fu venerata qui come la dea-nutrice, “la più difficile”; è la patrona delle Amazzoni. Artemide era venerata come la dea della guerra.

A Sparta, una capra veniva sacrificata alla dea prima della battaglia, e ad Atene cinquecento capre venivano assegnate ogni anno agli altari nell’anniversario della battaglia della Maratona. Artemide spesso si avvicinava alla dea del mese o alla dea della luna piena. Il mito di Artemide-Selena, innamorato del bello Endimione, che desiderava l’eterna giovinezza e l’immortalità e le riceveva in un sonno irrequieto, è ben noto.

Ogni notte la dea si avvicinava alla grotta del Latino della Carian Mountain, dove il giovane dormiva e ammirava la sua bellezza. L’attributo della dea è una faretra dietro la schiena, nelle mani di un arco o di una torcia; È accompagnata da una daina o da un branco di cani da caccia. A Roma, Artemide viene identificata con la divinità locale Diana.